Profondo Noir

Profondo Noir

Lee Child – Zona pericolosa

di Elia Banelli   Lee Child, pseudonimo di James Dover Grant, è uno scrittore britannico che non ha bisogno di molte presentazioni. È sufficiente rammentare le oltre cinquanta milioni di copie dei suoi libri vendute in tutto il mondo, di cui più di 500.000 solo in Italia. Un autore talmente autorevoleda mettere in discussione  il fisico […]

Continua a leggere
Profondo Noir

La notte delle ciliegie

di Daniele Occhioni   «Avevo la canna della pistola puntata alla tempia. Sentivo il metallo affondare nella pelle, entrarmi dentro con cattiveria. Per un istante mi chiesi ancora una volta che cazzo ci facessi in quella situazione. La risposta la sapevo, era bellissima, a pochi passi da me, ma non potevo pronunciarmi. Nella posizione in […]

Continua a leggere
Profondo Noir

Giustizia

di Elia Banelli   Avviso ai naviganti: se siete alla ricerca di un tipico thriller ad alta tensione, ricco di mistero e colpi di scena, serial killer implacabili o un giallo investigativo e cervellotico alla Sherlock Holmes, state alla larga da questo libro. Se, al contrario, vi interessa e vi affascina una lettura diversa, controcorrente, […]

Continua a leggere
Profondo Noir

L’ipnotista  (Lars Kepler)

di Elia Banelli Da Joe Nesbo a Stig Larsson, passando per Camilla Lackberg, da un po’ di anni i lettori italiani, come gran parte di quelli del globo terracqueo, sono rimasti folgorati dall’esplosione di un genere letterario che include Svezia, Norvegia e Finlandia sotto un unico grande tetto: quello del così detto “giallo nordico”. I […]

Continua a leggere
Profondo Noir

Che i cadaveri si abbronzino

di Elia Banelli Prima dell’avvento di Jean -Claude Izzo con la trilogia marsigliese dedicata al poliziotto “di strada” Fabio Montale, il noir francese ha conosciuto tra i suoi massimi esponenti un protagonista di eccezione, scomparso purtroppo da tempo: Jean-Patrick Manchette. Scrittore, critico letterario, jazzista, considerato tra i più brillanti autori del noir contemporaneo, ha pubblicato […]

Continua a leggere
Profondo Noir

Uno studio in rosso  (Arthur Conan Doyle)

di Elia Banelli Per interpretare l’immaginario del presente, a volte, è necessario ripartire dal passato, dalle origini. Per esempio nel cinema contemporaneo non si potrebbe valutare un film di Quentin Tarantino senza alludere ai western di Sergio Leone. O meglio, l’uno non esisterebbe senza l’altro. Le contaminazioni sono fluide, permanenti, e si moltiplicano nel tempo. […]

Continua a leggere
Profondo Noir

Il potere del cane (Don Winslow)

di Elia Banelli Massimo Carlotto, uno dei maggiori esponenti del noir italiano, ha dichiarato in una recente intervista a “Robinson”, inserto letterario di “Repubblica”, che ormai la distinzione di genere in crime, giallo, thriller procedural, hard-boiled, ecc… «oggi non ha più senso, e si potrebbe tranquillamente identificare tutte queste categorie con il “romanzo a sfondo […]

Continua a leggere
Profondo Noir Rubriche

Il richiamo del cuculo

di Elia Banelli   Il richiamo del cuculo   Credo che la quasi totalità di coloro che stanno leggendo questo articolo hanno visto almeno una volta sullo schermo la saga di “Harry Potter”, o hanno sentito parlare del libro che racconta le fantastiche gesta del maghetto più famoso del mondo (al pari di Merlino della […]

Continua a leggere
Profondo Noir Rubriche

Tutti i “sapori” del noir

di Elia Banelli   Tutti i “sapori” del noir   Il connubio tra cibo e romanzi noir è, per usare una metafora culinaria, come i tonnarelli con il cacio e il pepe: irresistibile e imprescindibile. La prolifica raccolta intitolata “Tutti i sapori del noir” è l’ennesima conferma. Si tratta della terza antologia dedicata alla memoria […]

Continua a leggere
Profondo Noir

Jean Claude Izzo – Casino Totale

di Elia Banelli Lo scrittore spagnolo Artur Perez Reverte, intervistato da Luca Crovi per il saggio “Noir, istruzioni per l’uso” (Garzanti), pronunciò queste parole: «Noi popoli mediterranei, abbiamo una cultura diversa da quella dei popoli del Nord, i tedeschi e gli anglosassoni. La nostra cultura è fatta di Bibbia, di Talmud, di olio d’oliva, di […]

Continua a leggere