Profondo Noir – House of Cards 3 di Michael Dobbs

elia banelli

*di Elia Banelli*

Pubblicato nel 1995, il terzo e ultimo capitolo della saga di “House of Cards”, divenuto un classico del political thriller che ha ispirato l’omonima straordinaria serie tv, non può certo mancare tra i lettori che si sono appassionati ai primi due volumi firmati dallo scrittore britannico Michael Dobbs. In questa nuova storia sono trascorsi dieci anni da quando, grazie a una lunga serie di sotterfugi e manipolazioni, Francis Urquhart ha raggiunto l’apice del potere e si prepara a diventare il primo ministro più longevo nella storia del paese. Al contempo lo spettro della vecchiaia incombe, è tempo di bilanci e di pensare a come guadagnarsi un posto nella Storia. Ma nel corso della sua impietosa scalata il nostro FU si è fatto molti nemici, e oggi si ritrova con un branco di lupi alle calcagna pronti ad azzannarlo, mentre i molti scheletri da tempo sepolti nell’armadio minacciano di saltare fuori.

Nel suo ultimo atto, Urquhart è costretto ad affrontare un’inaspettata crisi di governo che coinvolge lo scacchiere internazionale: deve operare nella questione cipriota, complicata ulteriormente dal ritrovamento di certi giacimenti petroliferi a cui sono in molti ad ambire. Ma il petrolio non è l’unico segreto dell’isola: Urquhart è legato a questa terra da una tragica vicenda personale del suo passato, pronta a perseguitarlo. Come prevedibile, l’instancabile FU non è pronto a farsi da parte, né a cedere di fronte a chicchessia.

È ancora disposto a tutto e determinato a lasciare il segno. Ci riuscirà? Anche io come tanti altri lettori sono rimasto deluso dal terzo capitolo, purtroppo non all’altezza dei primi due. A parte l’incongruenza di molti dettagli rilevanti (nei primi due volumi la moglie di Urquhart si chiama Mortima, nel terzo improvvisamente diventa Elizabeth, senza che venga mai esplicitato se si tratti di una nuova concubina o la stessa) tra cui l’improvvisa scomparsa della figura del Re, così centrale nel secondo capitolo tanto da rischiare di distruggere la carriera dello stesso protagonista. A complicare il quadro una lunga e noiosa matassa di personaggi che rende lenta e farraginosa la lettura, oltre che difficile la comprensione dei vari punti di vista impegnati nei dialoghi.

Rispetto ai tanti (troppi) difetti, la scrittura è sicuramente più matura dei primi due, a discapito però della scorrevolezza complessiva della trama, zavorrata da lunghe digressioni sulla situazione politica dell’isola di Cipro che probabilmente potevano essere di grande attualità a metà degli anni Novanta, ma che nel 2021 risultano un po’ fuorvianti e di scarso interesse geopolitico (questa però non è certo colpa dell’autore). Alcuni riferimenti espliciti al Giulio Cesare di Shakespeare e un finale sicuramente di grande impatto, seppur poco credibile, non salvano un libro nel complesso deludente. Consigliato comunque a chi vuole chiudere in bellezza la trilogia, da evitare per chi intende approcciarsi per la prima volta solo all’ultimo capitolo.

Buona lettura.

close

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER PER RICEVERE GLI ULTIMI ARTICOLI SU ARTE, CULTURA, PAESAGGI, VIAGGI E TURISMO OLTRE AD ALCUNE CHICCHE ESCLUSIVE!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Mario Tassone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

commissario

Titoli di coda, un nuovo caso per il commissario Kostas Charitos

*di Elia Banelli* Petros Markaris è considerato all’unanimità il più noto scrittore greco vivente, autore di romanzi, opere teatrali e sceneggiature cinematografiche. Insieme al francese Jean-Claude Izzo (scomparso nel 2000), rappresenta nella letteratura di genere uno dei massimi esponenti del così detto “noir mediterraneo”. La fama internazionale se l’è conquistata grazie al commissario di polizia […]

Continua a leggere
carta bianca

Carta Bianca – Carlo Lucarelli, recensione di Elia Banelli

*di Elia Banelli* “Questo voglio proprio che qualcuno lo legga” era il profetico auspicio di un trentenne aspirante scrittore che dopo aver inviato decine di manoscritti (e ricevuto decine di rifiuti) si sentiva finalmente pronto per il salto ufficiale nel mondo dell’editoria. Quando arrivò la telefonata della signora Elvira Sellerio il suo sogno di colpo si […]

Continua a leggere

Requiem – Geir Tangen

*di Elia Banelli* Nella ventosa cittadina di Haugesund, sui fiordi norvegesi, il giornalista Viljar Gudmundsson, che grazie a un suo celebre articolo ha scoperchiato uno degli scandali più subdoli della politica nazionale, vorrebbe godersi il meritato successo. Lo scoop lo ha reso in breve tempo una star del giornalismo, aprendogli prestigiose opportunità professionali. In realtà […]

Continua a leggere