Requiem – Geir Tangen

elia banelli

*di Elia Banelli*

Nella ventosa cittadina di Haugesund, sui fiordi norvegesi, il giornalista Viljar Gudmundsson, che grazie a un suo celebre articolo ha scoperchiato uno degli scandali più subdoli della politica nazionale, vorrebbe godersi il meritato successo. Lo scoop lo ha reso in breve tempo una star del giornalismo, aprendogli prestigiose opportunità professionali. In realtà Viljar siede ancora alla stessa scrivania del quotidiano locale ed è investito da una piena ondata depressiva. Ha difficoltà a scrivere persino di cronaca, soffre di continui attacchi di panico e subisce quotidianamente un pesante mobbing dal caporedattore. La ‘svolta’ arriva una mattina qualsiasi, quando riceve una mail piuttosto “macabra”: un misterioso mittente annuncia al giornalista che l’indomani una donna verrà giustiziata. Potrebbe trattarsi dell’inutile provocazione di un mitomane, ma la sinistra profezia si verifica esattamente secondo le parole scritte nel messaggio. Questo è solo l’inizio. 

Viljar e la giovane poliziotta Lotte Skeisvoll dovranno indagare per scoprire i motivi che hanno spinto il killer a scegliere proprio il giornalista come interlocutore. E che cosa hanno in comune le persone che nella diabolica mente dell’assassino meritano una fine tanto atroce?

Paragonato (a torto) a Jo Nesbo, Geir Tangen è uno scrittore affermato che cura un blog di crime fiction molto popolare.  “Requiem” è il primo capitolo di una trilogia e ha senza dubbio il merito di una trama scorrevole che si può leggere in un paio di giorni, un cast di personaggi interessanti e un paio di colpi di scena a dipanare la matassa nel finale, ma per gli amanti del giallo nordico si può trovare decisamente di meglio. 

Buona lettura.

close

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER PER RICEVERE GLI ULTIMI ARTICOLI SU ARTE, CULTURA, PAESAGGI, VIAGGI E TURISMO OLTRE AD ALCUNE CHICCHE ESCLUSIVE!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Mario Tassone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

commissario

Titoli di coda, un nuovo caso per il commissario Kostas Charitos

*di Elia Banelli* Petros Markaris è considerato all’unanimità il più noto scrittore greco vivente, autore di romanzi, opere teatrali e sceneggiature cinematografiche. Insieme al francese Jean-Claude Izzo (scomparso nel 2000), rappresenta nella letteratura di genere uno dei massimi esponenti del così detto “noir mediterraneo”. La fama internazionale se l’è conquistata grazie al commissario di polizia […]

Continua a leggere
carta bianca

Carta Bianca – Carlo Lucarelli, recensione di Elia Banelli

*di Elia Banelli* “Questo voglio proprio che qualcuno lo legga” era il profetico auspicio di un trentenne aspirante scrittore che dopo aver inviato decine di manoscritti (e ricevuto decine di rifiuti) si sentiva finalmente pronto per il salto ufficiale nel mondo dell’editoria. Quando arrivò la telefonata della signora Elvira Sellerio il suo sogno di colpo si […]

Continua a leggere
chourmo

Chourmo – Jean-Claude Izzo (recensione di Elia Banelli)

*di Elia Banelli* Iniziato a settembre del 1995 e concluso a gennaio del 1996, Chourmo è il secondo capitolo della trilogia dedicata al poliziotto Fabio Montale (in questa rubrica abbiamo già parlato di Casino Totale, il primo della serie).   Il romanzo più lungo di Jean-Claude Izzo, pubblicato in Italia come gli altri da E/O, è […]

Continua a leggere