Carta Bianca – Carlo Lucarelli, recensione di Elia Banelli

elia banelli

*di Elia Banelli*

“Questo voglio proprio che qualcuno lo legga” era il profetico auspicio di un trentenne aspirante scrittore che dopo aver inviato decine di manoscritti (e ricevuto decine di rifiuti) si sentiva finalmente pronto per il salto ufficiale nel mondo dell’editoria. Quando arrivò la telefonata della signora Elvira Sellerio il suo sogno di colpo si materializzò. 

“Carta Bianca” è il primo libro di Carlo Lucarelli, pubblicato nel 1990 dalla famosa casa editrice di Palermo, in cui compare un personaggio che da tempo ha conquistato il cuore e la mente di migliaia di lettori: il commissario De Luca. In questo potente romanzo d’esordio, riproposto per i tipi di Einaudi Stile Libero, che ha guadagnato la reputazione di genuino classico e perfetto gioiello di narrativa breve, ci troviamo in Italia nell’aprile del 1945, ai titoli di coda della Seconda guerra mondiale (fa un certo effetto ripensarci proprio quando in televisione sfilano le immagini truci e cruente dei bombardamenti a Kiev). Il commissario De Luca vorrebbe slegarsi dal fardello di un passato nella polizia politica e indaga sui crimini comuni che in tempi di dissoluzione di un regime vengono considerati meno importanti. 

Come da manuale del giallo le cose non vanno sempre come ci si aspetta. Nulla è scontato, ma le rivelazioni che la trama svela nel corso della storia potrebbero condurci in strade parallele e diverse tra loro. È compito del lettore scoprirlo attraverso le poco più di cento pagine che si divorano avide e che fanno intuire lo straordinario talento di uno dei massimi esponenti della narrativa di genere in Italia. Il malinconico cinismo di De Luca, la disillusione costante nei confronti della inadeguatezza della realtà, è un mantra che affligge da secoli coloro che sono alla disperata ricerca di una pace interiore (ed esterna) che sembra voler sfuggire a ogni tentativo disperato di afferrarla.

close

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER PER RICEVERE GLI ULTIMI ARTICOLI SU ARTE, CULTURA, PAESAGGI, VIAGGI E TURISMO OLTRE AD ALCUNE CHICCHE ESCLUSIVE!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Mario Tassone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

commissario

Titoli di coda, un nuovo caso per il commissario Kostas Charitos

*di Elia Banelli* Petros Markaris è considerato all’unanimità il più noto scrittore greco vivente, autore di romanzi, opere teatrali e sceneggiature cinematografiche. Insieme al francese Jean-Claude Izzo (scomparso nel 2000), rappresenta nella letteratura di genere uno dei massimi esponenti del così detto “noir mediterraneo”. La fama internazionale se l’è conquistata grazie al commissario di polizia […]

Continua a leggere

Requiem – Geir Tangen

*di Elia Banelli* Nella ventosa cittadina di Haugesund, sui fiordi norvegesi, il giornalista Viljar Gudmundsson, che grazie a un suo celebre articolo ha scoperchiato uno degli scandali più subdoli della politica nazionale, vorrebbe godersi il meritato successo. Lo scoop lo ha reso in breve tempo una star del giornalismo, aprendogli prestigiose opportunità professionali. In realtà […]

Continua a leggere
chourmo

Chourmo – Jean-Claude Izzo (recensione di Elia Banelli)

*di Elia Banelli* Iniziato a settembre del 1995 e concluso a gennaio del 1996, Chourmo è il secondo capitolo della trilogia dedicata al poliziotto Fabio Montale (in questa rubrica abbiamo già parlato di Casino Totale, il primo della serie).   Il romanzo più lungo di Jean-Claude Izzo, pubblicato in Italia come gli altri da E/O, è […]

Continua a leggere