Cultura

pennatule

L’Ultimo ricordo dell’anno: l’Eden delle Pennatule

*di Giovanni Laganà* Capita, non di rado, che qualcuno mi chieda quale sia il sito o il soggetto che, nel tempo, mi abbia più colpito e rimasto nell’anima. La risposta non è facilmente determinabile in quanto ogni immersione, anche quella apparentemente più banale, lascia sempre il segno scolpito nella mia mente sotto forma di emozioni […]

Continua a leggere
tempo perduto proust

Sempre alla ricerca del tempo perduto

*di Eliana Iorfida* “Dopo 712 pagine di questo manoscritto – dopo infinite desolazioni per gli sviluppi insondabili in cui ci si deve sprofondare ed esasperanti momenti d’impazienza per l’impossibilità di risalire alla superficie – non si ha nessuna idea di quello di cui si tratta. Che scopo ha tutto questo? Che cosa significa? Dove ci […]

Continua a leggere
cametti

Quando una passione diventa arte – Intervista a Francesca Antonini

*di Apollonia Nanni* Federico Fellini pensando  Roma, la città eterna, soleva dire: “Gli intellettuali, gli artisti, che vivono sempre in uno stato di frizione fra due dimensioni diverse- la realtà e la fantasia-trovano qui la spinta adatta e liberatoria delle loro abilità mentali. Quindi Roma la piattaforma ideale per dei voli fantastici (…). Ed è […]

Continua a leggere
carso

Il Carso, territorio dalle tante facce. Da avamposto di guerra a culla per gli orsi e i dinosauri.

*di Federico Quaranta* Troppo frequentemente diamo per scontata la nostra libertà, ma non è stato sempre così. Il secolo scorso ci ha insegnato che questa può essere facilmente repressa, violata e tradita. Ma non bisogna confondere la libertà con la convinzione che tutto sia concesso, la libertà è molto più vicina un dono e come […]

Continua a leggere
periferie

La bellezza della periferia. Un viaggio nel mondo delle periferie italiane.

*di Carlo Piano* C’è una bellezza segreta nelle periferie italiane, che aspetta di essere scoperta. Una bellezza, non monumentale e poco appariscente, che riesce a spuntare fuori nonostante le periferie siano state spesso costruite senza affetto, quasi con disprezzo. Va cercata e inseguita: è costituita da persone i cui occhi brillano d’energia ma anche da […]

Continua a leggere
il figlio del mare

Il figlio del mare – recensione di Daniela Rabia

*di Daniela Rabia* Il figlio del mare, l’ultimo romanzo di Eliana Iorfida, Pellegrini editore, è un viaggio nel viaggio. Meta la terra calabra. In essa la ricerca della propria storia, del proprio passato, di una verità a lungo taciuta e sepolta a colpi di pregiudizio ma riaffiorata sotto i sussurri del pettegolezzo e levigata dai […]

Continua a leggere
cattelan

Arte o non arte, questo è il dilemma. Riflessioni con-temporanee

*di Apollonia Nanni*  “L’arte italiana? Siamo ai minimi storici. Oggi ci sono cani sciolti che, pur talentuosi, sono maestri nell’arte del markenting. La galleria d’arte seppur ambiziosa non serve a niente, perchè gli artisti di ogni genere e grado, sono mercanti di loro stessi. E’ un cambiamento inarrestabile, probabilmente voluto dalla storia”: Gian Enzo SPERONE […]

Continua a leggere
acquacoltura

Acquacoltura, cos’è e perchè è nella programmazione comunitaria

PERCHÈ L’ACQUACOLTURA La FAO, l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura, nell’ultimo rapporto “Lo stato della pesca e dell’acquacoltura mondiale 2020” ha attestato che il consumo di pesce nel mondo è arrivato al record di 20,5 kg procapite l’anno, ed è destinato a salire ancora. Il consumo di pesce, infatti, è aumentato del 122% […]

Continua a leggere
langhe

Langhe, terra di nocciole, buon vino e tartufi

*di Federico Quaranta* “Mi fissai a contemplare San Benedetto nella conca sottostante, scuriva, dalle case arrivavano le prime fumate azzurrine, fra poco la campana avrebbe dato l’ultimo rintocco di quel giorno e il messo comunale avrebbe acceso l’unica lampada pubblica sulla piazzetta. Allora capii che ancora per quella sera non potevo fare assolutamente a meno […]

Continua a leggere
dante

Dante, Maometto e l’ascesa ai Cieli

*di Eliana Iorfrida* Sul finire di un anno denso di ricorrenze letterarie, i 700 dell’Alighieri inducono a un’ultima ma stuzzicante riflessione sulla Commedia e l’universo magmatico, multiculturale e mediterraneo, al quale il Sommo attinse a piene mani. Difficile aggiungere qualcosa che non sia stato scritto, detto o fantasticato, eppure… l’esortazione “O voi ch’avete li ‘ntelletti […]

Continua a leggere