Semplici idee per prepararsi a vivere la festa della gioia con i bambini

*di Calamita Educational*

“Il Natale non è un tempo, né una stagione, ma uno stato d’animo” ha scritto Calvin Coolidge, 30° Presi- dente degli Stati Uniti d’America. Anch’io la penso così. Ma è anche vero che in questo periodo dell’anno sento più del solito uno sfarfallio nel cuore; come è vero che, presi dalle incombenze quotidiane, spesso perdiamo di vista la “gioia” che si accompagna alla Natività, e ci ritroviamo attorno alla tavola imbandita, senza aver badato troppo a come ci siamo arrivati. Per fortuna, a riaccendere in ciascuno di noi la “festa” per “il dono” della nascita di Gesù bambino, arriva puntuale con la tradizione Cristiana ogni 25 dicembre la celebrazione del Santo Natale.

Prepararsi a questa festa insieme ai bambini, figli o agli alunni che siano, può essere una bella opportunità di riflessione anche per gli adulti. La tradizione ci suggerisce strumenti come il “calendario dell’avvento”, un calendario che prende il nome dal periodo liturgico che precede in Natale, una fase di preparazione anche spirituale alle feste. Per celebrare questa attesa si trovano in giro tante edizioni commerciali, anche belle, ma prepararlo “in casa” avrà un quid in più: non abbiamo nulla in contrario agli acquisti di Natale, fanno parte del nostro tempo, fanno la gioia dei piccini e consentono alle attività economiche, in particolare in questo momento storico, di rinfrancarsi un po’. Quindi sì ai regali!

Ma, sgomberato il campo da questo possibile equivoco, concentriamoci sulla “preparazione”, come dicevamo all’inizio. L’arrivo del Natale è una buona occasione per ricordare a noi stessi, e insegnare ai più piccoli, che la gioia vera non viene dalle cose materiali, ma si semina e coltiva nel profondo del proprio cuore e da lì, emana. E così, fra calendario dell’avvento e letterina di Babbo Natale, potremmo provare a spargere sotto l’albero fra giochi e lucine colorate, parole come: silenzio, pace, amore, solidarietà, condivisione, generosità, gratitudine, gioia … e inventare un’azione da praticare insieme per ciascuna di esse.

Sarà bello scoprire con i nostri bambini quali siano per loro le idee e le azioni che fanno venire la “gioia nel cuore”: potrà capitare di sentirvi dire solletico, coccole, gioco, e potremo suggerire gentilezza, dare da mangiare le briciole ai passerotti, incartare con gioia un gioco molto amato e donarlo a chi è meno fortunato, oppure preparare un dolce e donarlo insieme a qualche ora di compagnia a chi sappiamo essere solo.

Dedicare un tempo per la scrittura della letterina più famosa della tradizione, dopo qualche giorno di “preparazione” con il “calendario delle emozioni”, potrà essere un’opportunità per preparare una lista dei desideri diversa: che non tenga conto solo dei giochi, ma anche di chi ci è vicino, di chi è meno fortunato, di chi è solo, dell’ambiente che soffre. Guidare i nostri piccoli alla scoperta delle “emozioni” del Natale sarà un’esperienza coinvolgente e arricchente per tutta la famiglia, che lascerà semi preziosi nella loro mente e nel loro cuore, più di un giro in un centro commerciale.

E soprattutto sarà un bel modo per creare belle abitudini che potranno sopravvivere per tutto l’anno, piccoli “riti di gioia” da rivivere ogni volta che ce ne sarà la possibilità, perché, come canta Jovanotti, “o è Natale tutti i giorni, o non è Natale mai!”.

close

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER PER RICEVERE GLI ULTIMI ARTICOLI SU ARTE, CULTURA, PAESAGGI, VIAGGI E TURISMO OLTRE AD ALCUNE CHICCHE ESCLUSIVE!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Mario Tassone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

guerra scarpe

Le sfide dell’educazione fra guerra e pace

Contrappeso Quando c’è la guerra c’è bisogno di volersi più bene, inteso come volere il proprio bene, ma anche quello di chi e quanto ci circonda. Può sembrare un concetto banale, quello del contrappeso, ma è fin dall’antichità che i filosofi, anche di orientamento più diverso, concordano su un fatto: se è vero che le […]

Continua a leggere
ittiturismo

La diversificazione delle attività di pesca: ittiturismo e pescaturismo

Il Reg. (UE) 508/2014, “Fondo Europeo per gli affari marittimi e la pesca” (FEAMP), ai sensi dell’art. 30, contribuisce alla diversificazione del reddito dei pescatori tramite lo sviluppo di attività complementari, compresi investimenti a bordo, turismo legato alla pesca sportiva, ristorazione, servizi ambientali e attività pedagogiche relative alla pesca, in linea con l’obiettivo “Promuovere la […]

Continua a leggere
porti catanzaro

Il FEAMP a sostegno dei porti calabresi

Il Fondo Europeo per gli Affari Marittimi e la Pesca (FEAMP) 2014/2020 ha finanziato nell’ambito della Priorità 1 – Sviluppo sostenibile della pesca – Misura 1.43 “Porti, luoghi di sbarco, sale per la vendita all’asta e ripari di pesca”(art. 43 Reg. UE n. 508/2014)“, investimenti volti a migliorare le infrastrutture preesistenti dei porti di pesca, […]

Continua a leggere