Era il 3 aprile del 1973: Martin Cooper di Motorola fece la prima telefonata con un cellulare.

Grande quanto una scatola di scarpe, pesante oltre un chilo: cos’è? Si stratta del dispositivo cellulare firmato Motorola, il DynaTac, col quale fu possibile, 45 anni fa, effettuare la prima telefonata “senza fili”.

New York, 3 Aprile 1973: una data storica, non solo per quello che avrebbe significato nell’ambito delle telecomunicazioni, ma anche per Motorola, che così risolve la sua rivalità, iniziata nel ’47, con la Bells Lab. La telefonata fu fatta dall’ingegnere americano Martin Cooper a Joel Engel, ricercatore della sopracitata BL: Noi della Motorola ce l’abbiamo fatta, la telefonia cellulare è una realtà”, queste le parole di Cooper.

Il DynaTac (Dynamic Adaptive Total Area Coverage) fu un autentico miracolo tecnologico, che avrebbe dato inizio a una nuova era fatta di studi, ricerche e sperimentazioni tali da portare ai giorni nostri smartphone leggeri, ultrasottili, e ultra tecnologici (stravolgendo letteralmente le nostre vite). All’epoca, il DynaTac, oltre a peso e  dimensioni mastodontiche, era privo di display e con un tempo di ricarica di ben 10 ore per ottenere appena 35 minuti di autonomia operativa – un problema, quello della durata della batteria, ancora attuale nei telefoni di oggi.

Il successore del prototipo di Cooper è il DynaTac 8000X, venduto a 3995 dollari di allora, e che corrispondono a 9322 dollari attuali (ovvero, 7586 euro): una cifra esorbitante che, a confronto, un IPhone figura come roba low cost. Ma prima che i dispositivi cellulari fossero alla portata di tutti, ci vollero almeno 17 anni dopo quella famosa telefonata: infatti, bisognerà attendere gli anni 80 per l’assegnazione delle prime frequenze, grazie a cui il bacino di utenza iniziò a ingrandirsi e ad aprirsi all’invenzione. Da allora, il cellulare visse una forte e costante impennata verso il successo, creando un mercato grande e  imponente, che inizia, però, ad accusare i primi segnali di saturazione.

Riguardo a Martin Cooper, classe 1928, è ancora oggi operativo, e alla sua veneranda età (93 anni) continua ad interessarsi di tecnologia, e possiede il proprio profilo personale su Twitter, @MartyMobile.

close

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER PER RICEVERE GLI ULTIMI ARTICOLI SU ARTE, CULTURA, PAESAGGI, VIAGGI E TURISMO OLTRE AD ALCUNE CHICCHE ESCLUSIVE!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

junkers 52

Lo Junkers 52 di Isola delle Femmine, la storia di Zia Ju

*di Giovanni Laganà* E’ una storia – la nostra – che nasce in Sicilia, nell’estate del 1942, in una cornice da sogno: quella del mare di Isola delle Femmine, borgo marinaro situato a pochi chilometri da Palermo. Nel bel mezzo di una guerra mondiale senza precedenti, in una giornata particolarmente assolata, un’inusuale risonanza di motori […]

Continua a leggere
lince

Vita selvaggia, dai boschi alle città, speci sospese fra estinzione e ripopolamento

*di Paolo Di Giannantonio* Ma avete presente quant’è bella la lince? Un animale elegante ma schivo, un predatore determinatissimo ma anche delicatissimo; una specie che sembrava scomparsa dalle nostre foreste e che di tanto in tanto si fa rivedere. Un ridotto numero di esemplari, concentrati sulle Alpi, dalle parti del Parco del Tarvisio ed oltre, […]

Continua a leggere
mare

Immersione nel Mediterraneo, un mare diverso: quello di notte

*testo e foto di Giovanni Laganà* La sera in cui la lampada artigianale costruita dal mio amico Gigi accese per me i colori di un ristretto specchio acqueo nel mio Mare Jonio, è uno dei ricordi adolescenziali che porto indelebilmente dentro di me. Avevo diciannove anni e mi accingevo, per la prima volta, ad affrontare, […]

Continua a leggere