Immersione nel Mediterraneo, un mare diverso: quello di notte

giovani laganà

*testo e foto di Giovanni Laganà*

La sera in cui la lampada artigianale costruita dal mio amico Gigi accese per me i colori di un ristretto specchio acqueo nel mio Mare Jonio, è uno dei ricordi adolescenziali che porto indelebilmente dentro di me. Avevo diciannove anni e mi accingevo, per la prima volta, ad affrontare, nell’oscurità tenebrosa di un giorno d’estate, un mare diverso: quello di notte. Da allora ho sempre subito il fascino dell’immersione notturna ed è di notte che ho scattato molte delle mie foto più scenografiche ed interessanti. L’immersione notturna, per quasi tutte le didattiche oggi presenti sul mercato, è una delle tante specialità alla quale, a mio avviso, sarebbe doveroso dedicare un’attenzione diversa e particolare. In Mediterraneo poi sono pochi i Diving che ti assecondano nella ricerca del fascino che questa straordinaria avventura può regalare; spesso è meglio per conto proprio o con pochi pazienti amici che ti accompagnano.

mediterraneo

Nello Stretto, con Francesco Turano e Guerino Salvatore, ho condiviso alcune splendide notturne nel mare di Pellaro e San Gregorio – in Calabria – a profondità mai superiori ai venticinque metri, sempre con sorprese degne di menzione. Ma la notturna di Catona rimane indimenticabile. Era agosto ed il cielo stellato, che pian piano si esaltava al calare del sole, faceva da cornice all’appendice messinese della Sicilia. Un’atmosfera inebriante: niente di meglio per iniziare un’avventura nel mare nero come l’inchiostroDopo l’ingresso in acqua, il fascio delle torce accompagnava la lenta discesa fra gli sguardi sonnecchianti di occhiate, saraghi, mennole, alcune anche di buona taglia. Ma poi l’incontro che aspettavo, quello che Francesco mi aveva promesso: l’Alicia mirabilis, la regina della notte dal fascino travolgente e dall’eleganza fuori dal comune.

mediterraneo

Qualche scatto prima che l’impeto della corrente si facesse sentire e risalita faticosa fino alle quote più alte per continuare, senza affanno, nella cattura di immagini. Incredibili esperienze le notturne in Mediterraneo, sempre nuove, affascinanti, ma rivolte esclusivamente a coloro che, del mare, desiderano carpire davvero i segreti della biodiversità. Non sono adatte per gli amanti degli ampi scenari, poiché il campo visibile si riconduce al raggio d’azione della torcia. Ma se è la vita nel mare che genera entusiasmo e produce adrenalina, allora non esiste nulla di meglio. Certo, per chi non vive in zone prossime al mare, l’organizzazione di una notturna non è facile. 

mediterraneo

Personalmente ho sempre fatto poca strada, in Sicilia come in Calabria, per raggiungere i tuffi nel buio durante i quali considero interessante, di solito, muovermi sia in pochi metri d’acqua curiosando, ad esempio, nella vita dei cavallucci marini, sia su profondità più elevate alla scoperta di pesci sornioni in caccia o appisolati sul fondo, comunque disposti a un approccio ravvicinato. Ed è proprio questo il vantaggio dell’immersione notturna, soprattutto per chi predilige lo studio del comportamento animale: osservare anche a pochi centimetri ciò che di giorno è sfuggente, osservare in esclusiva quello che di giorno è invisibile. Come l’elegante polpessa, con i suoi colori cangianti e le sue forme bizzarre, che danza sotto la luce, leggiadra e timida al tempo stesso.

mediterraneo

Certo, capita ancora che, emergendo dopo una rilassante e al tempo stesso strepitosa notturna, la gente ti osservi intanto per capire se davvero non sei un marziano proveniente dallo spazio e poi, vedendo custodia e doppi flash montati sulle staffe, ti dica cose strane non credendo che si possano affrontare sacrifici, anche in pieno inverno, solo per scattare qualche foto. I ricordi di tante avventure si accavallano e distinguerli uno dall’altro è sempre faticoso. Ogni immersione notturna è la scoperta della vita nel mare. Un mare nero come l’inchiostro che, inizialmente tenebroso, diventa accogliente e decisamente interessante nel suo mostrarsi insolito, pronto a svelare molti dei suoi segreti più intimi.

immersione

close

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER PER RICEVERE GLI ULTIMI ARTICOLI SU ARTE, CULTURA, PAESAGGI, VIAGGI E TURISMO OLTRE AD ALCUNE CHICCHE ESCLUSIVE!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Mario Tassone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

junkers 52

Lo Junkers 52 di Isola delle Femmine, la storia di Zia Ju

*di Giovanni Laganà* E’ una storia – la nostra – che nasce in Sicilia, nell’estate del 1942, in una cornice da sogno: quella del mare di Isola delle Femmine, borgo marinaro situato a pochi chilometri da Palermo. Nel bel mezzo di una guerra mondiale senza precedenti, in una giornata particolarmente assolata, un’inusuale risonanza di motori […]

Continua a leggere
lince

Vita selvaggia, dai boschi alle città, speci sospese fra estinzione e ripopolamento

*di Paolo Di Giannantonio* Ma avete presente quant’è bella la lince? Un animale elegante ma schivo, un predatore determinatissimo ma anche delicatissimo; una specie che sembrava scomparsa dalle nostre foreste e che di tanto in tanto si fa rivedere. Un ridotto numero di esemplari, concentrati sulle Alpi, dalle parti del Parco del Tarvisio ed oltre, […]

Continua a leggere
nudibranchi laganà

I Nudibranchi: il fascino dei “pokemon marini”

*di Giovanni Laganà* Classificare i viventi sembra essere stata, probabilmente, la prima attività che ha impegnato l’uomo, tenuto conto che tra i versetti della Genesi, è celebre l’invito rivolto ad Adamo per dare un nome agli animali appena creati, affinchè potessero distinguersi gli uni dagli altri. Una volontà classificatoria che, nel corso dei secoli, ha […]

Continua a leggere