Diabolik, l’ultimo film dei Manetti Bros

margherita bordino

*di Margherita Bordino*

Si chiamano Marco e Antonio, sono fratelli, sono registi, sceneggiatori e produttori. Sono i Manetti Bros, e dopo avere conquistato tutti con Song ‘e Napule e Ammore e malavita, finalmente debuttano sul grande schermo con il loro Diabolik, in sala dal 16 dicembre con 01Distribution. “Questo è un film importante per noi perché è il coronamento di un nostro sogno, ovvero realizzare una storia che amiamo in prima persona da lettori”, racconta Marco Manetti. “Siamo emozionati perché aspettiamo di mostrare questo film da tanto tempo – ha proseguito – ma il Covid non ce l’ha permesso. E poi, per la prima volta, abbiamo delle aspettative molto alte su un nostro film”. A lui si aggiunge Antonio Manetti: “con il lockdown abbiamo riaperto il montaggio. Ma aspettiamo da tanto di vederlo al cinema e non vediamo l’ora”.

manetti

A vestire i panni di Diabolik, personaggio dei fumetti nato dalla fantasia e creatività delle sorelle Angela e Luciana Giussani – pubblicato per la prima volta nel 1962 -, è Luca Marinelli, affiancato nel cast da Miriam Leone nei panni di Eva Kant, da quelli di Valerio Mastandrea in quelli di Ginko e dai colleghi Alessandro Roja, Serena Rossi, Claudia Gerini e Roberto Citran. “Ringrazio chi ha creato Diabolik”, continua Marco Manetti. Il film si apre con un inseguimento o meglio, con cinque minuti che fungono da prologo a una storia che promette di essere ricca d’azione. Nei primi minuti di vede Diabolik a bordo della sua macchina – l’iconica Jaguar EType nera – inseguito dalla polizia , che con uno stratagemma mette fuori gioco le guardie e in quello stesso momento l’ispettore Ginko chiede “E questo che cos’è?”. Questo inseguimento è stato girato tra Bologna, Milano e Trieste. “Abbiamo messo insieme tre città per fare Clerville”, rivelano i registi. E ad accompagnare la scena è la voce riconoscibilissima di Manuel Agnelli, leader degli Afterhours e ormai giudice fisso di XFactor, che ha composto per il film Diabolik due brani ‘Pam Pum Pam’ e ‘La profondità degli abissi’. Come è costruita e mantenuta viva la sinergia lavorativa tra i due fratelli? Si dividono in compiti? E come è stato il lavoro attivo su questo film? “Sul set per sopravvivere ci siamo dovuti creare un sistema di lavoro”, racconta Marco Manetti. “Antonio è anche operatore alla macchina da presa, e di conseguenza io parlo di più con gli attori. Mentre tutto il resto si fa prima, il parlare con gli attori e le inquadrature si fanno lì. È una divisione di compiti, un sistema di lavoro. Di solito i registi hanno un operatore. Avere un operatore che è anche regista è un lavoro completamente diverso. Quando andiamo sul set io comincio a parlare con gli attori, e abbiamo questo metodo che rende gli attori molto liberi. Sugli altri set gli attori devono stare attenti ai segni per terra entro i quali devono muoversi. Per il fatto che Antonio è anche il cameraman, loro sono più liberi di muoversi e la camera, guardando quello che avviene in scena, sceglie il punto di vista”.

eva kant

Per i Manetti Bros gli attori sono la parte essenziale del film e di questi scelgono di fidarsi molto spesso. “Pensiamo che l’attore sia più importante della luce”, aggiunge Antonio Manetti, “Noi diamo molta libertà, e i direttori della fotografia devono saperlo prima, altrimenti impazzirebbero: se un attore va fuori dalla luce io lo inquadro lo stesso; un operatore professionista dice all’attore non ci andare fuori dalla luce”. Brevemente la storia… Diabolik, tra i titoli italiani più attesi anche del periodo natalizio, è un film ambientato negli anni 60 e narra le avventure del suo omonimo protagonista, un ladro dal volto misterioso che dopo ogni furto scappa e sfugge regolarmente alla cattura lasciando la polizia con un palmo di naso, come si suol dice. Un’ereditiera arrivata in città di nome Eva Kant attira però l’attenzione dell’uomo mascherato, o meglio… a “ipnotizzarlo” è un suo gioiello di grande pregio, il celebre diamante rosa. Nel tentativo di rubare la preziosa pietra, Diabolik rimane stregato dalla seducente donna mentre l’ispettore Ginko è certo di essere ormai prossimo a cantare vittoria. Il film sarà all’altezza delle aspettative dei tantissimi fan?

ginko

Di certo i Manetti Bros con questo film realizzano un sogno ma ci tengono a sottolineare come il loro percorso cinematografico è costellato da suggestioni di tanto, tantissimo cinema e di un certo spessore. “Noi non siamo cresciuti a pane e B Movie”, ci tiene a precisare Marco Manetti. “È un equivoco da cui vogliamo liberarci: non siamo appassionati cinema di serie B. È la nostra storia che ci ha fatto uscire fuori con degli appassionati di quel cinema: Piotta e Marco Giusti. Noi amiamo tutto il cinema e non abbiamo disdegnato il cinema di serie B. Ma non siamo dei grandi appassionati o conoscitori. Il cinema di sogno e di avventura americano è quello che ci ha formato. Siamo cresciuti con i film della New Hollywood e poi con quello degli anni Ottanta, Spielberg e Carpenter, e più avanti il cinema orientale”. A lui si lega il fratello Antonio, ”i film di Hitchcock sono quelli che guardiamo quando vogliamo immergerci nel cinema. Quando cerchiamo delle risposte le troviamo in lui”.

close

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER PER RICEVERE GLI ULTIMI ARTICOLI SU ARTE, CULTURA, PAESAGGI, VIAGGI E TURISMO OLTRE AD ALCUNE CHICCHE ESCLUSIVE!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Mario Tassone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

martone

Mario Martone, grande ritorno a Cannes e molto altro

*di Margherita Bordino* Napoli e la sensualità dei rapporti umani. Dal cinema al teatro lirico Mario Martone è tra i migliori registi italiani del nostro tempo. Un teatrante con la vocazione per il cinema o il contrario? Mario Martone è un gigante contemporaneo della cultura italiana e negli ultimi anni i suoi film si sono […]

Continua a leggere
Downton Abbey

Downton Abbey, tutti pazzi per la famiglia Crawley

*di Margherita Bordino* Nella serialità internazionale degli ultimi anni c’è un grande e noto sotto-sopra, quello dei Stranger Things, eppure ancor prima è stata Downton Abbey a dividere il racconto narrativo in piano superiore e inferiore. Andiamo per ordine…! Downton Abbey è la serie tv firmata dal premio Oscar Julian Fellowes. Terminata ormai nel 2015, […]

Continua a leggere
cyrano

Il Cyrano di Joe Wright, universale

*di Margherita Bordino* Una gioia per gli occhi e per il cuore. Il pluripremiato regista Joe Wright (Anna Karenina, Pan – Viaggio sull’isola che non c’è, L’ora più buia) trascina gli spettatori in una sinfonia di emozioni attraverso la musica, il romanticismo e la bellezza, rileggendo in chiave cinematografica la storia senza tempo di uno […]

Continua a leggere