Betty Bee, un’icona “stile napoletana”.

luigi polillo

*di Luigi Polillo*

Fascinoso, seduttivo, caoticamente travolgente, questo è lo stile Pop del lavoro di Betty Bee (Napoli, 1963).  Una donna fuori dalle righe, un’innata predilezione per l’erotismo e una fantasiosa provocazione. Vive e lavora a Napoli dove a partire dagli inizi degli anni ‘90 ha creato un’impronta stilistica inconfondibile, dove l’elemento teatrale, inteso come rappresentazione di sé stessa, è divenuto un vero e proprio riferimento nello scenario artistico nazionale e non solo. 

Attraverso Gino Veneruso, scenografo, designer ed operatore culturale-artistico, conobbi Betty Bee. Molte sono le emozioni e sensazioni che l’opera d’arte suscita, l’opera contemporanea parla al vissuto delle persone e alla loro visione della vita. Il lavoro “artistico” di Veneruso può essere letto come un minimalismo vitale, una sperimentazione continua di materiali e forme, velato da orme poeticamente bohemienne, impresse da sempre nel suo animo. Il lavoro di Betty Bee, invece, può essere letto come un processo razionale-emotivo, dettato dal suo cammino esistenziale, un travestimento di sé, che mette a nudo il proprio “IO” e riequilibra attraverso la sua arte, attraverso il gioco incondizionato e le istanze della società post-contemporanea. Il suo percorso artistico è condotto attraverso performance, video, pittura, fotografia. La provocazione e la prorompente esuberanza pop-kitsch caratterizzano tendenzialmente i lavori fotografici, i video e le sue performance. La produzione pittorica, invece, assume un carattere molto più intimista basata sull’esaltazione della libertà da ogni tipo di dogma stilistico, morale e sociale.

close

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER PER RICEVERE GLI ULTIMI ARTICOLI SU ARTE, CULTURA, PAESAGGI, VIAGGI E TURISMO OLTRE AD ALCUNE CHICCHE ESCLUSIVE!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Mario Tassone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

dominelli

Visioni Estetiche – Salvatore Dominelli

*di Luigi Polillo* Nel 1971 fa la sua prima esposizione nel Museo Archeologico di Vibo Valentia, successivamente si trasferisce a Roma dove consegue il diploma presso l’Accademia di Belle Arti, inizia ad esporre negli anni settanta e nel ’78 si iscrive alla facoltà di architettura, ma, dopo vari esami, decide di dedicarsi unicamente alla pittura. […]

Continua a leggere
arte

Tudor Andrei Odangiu, il fascino dell’Io nell’arte

*di Luigi Polillo* Nasce in Romania, a Timisoara, nel 1976 in una famiglia dove si respira un’aria carica d’arte, cultura e musica; dopo gli studi classici al Liceo Artistico ed all’Accademia di Belle Arti, decide di ampliare le proprie passioni, studiando anche musica jazz, sviluppando così la sensibilità per tutte le sette arti: musica, pittura, […]

Continua a leggere

Una poetica illuminante. A tu per tu con Luigi Bianco.

di Luigi Polillo   Qualsiasi processo vitale ha la sua durata, anche se ciò non avviene per la dimensione dell’Arte; difatti essa conduce illimitatamente in una sfera estranea alla realtà, costituita da una falsa consapevolezza e da una verità spirituale. Una delle domande esistenziali più complesse è: Cos’è la verità? Credo non ci sia una […]

Continua a leggere