Social media e salute mentale nei bambini e negli adolescenti

pisanideolmi

 *Dott.ssa Michela Deolmi e Prof. Francesco Pisani*

L’ingente diffusione dell’utilizzo dei social media in età pediatrica e adolescenziale sta rimodellando il modo in cui i ragazzi comunicano, esprimono se stessi ed interagiscono con i coetanei. Le evidenze scientifiche fanno emergere risultati contrastanti per quanto riguarda la correlazione tra social media e salute mentale nei giovani. Alcune ricerche, infatti, evidenziano effetti positivi, specialmente in tempo di pandemia, quali l’attenuazione del senso di solitudine ed isolamento con conseguente miglioramento del tono dell’umore, ma anche un’aumentata percezione di supporto sociale in quanto il soggetto risulta costantemente inserito all’interno di un network comunicativo.

Dall’altra parte, alcuni studi mettono in evidenza come l’eccessivo utilizzo dei social media possa sfociare in atteggiamenti compulsivi e di dipendenza e possa essere trigger di sintomi tipici dei disturbi d’ansia o depressivi, specialmente negli individui vulnerabili o vittime di cyberbullismo. Infine, recenti lavori scientifici hanno dimostrato che la rapida diffusione di informazioni contrastanti che si è verificata in occasione della pandemia da SARS-Cov2, ha causato un aumento dei sintomi ansiosi nella popolazione in generale.

Pertanto, chi si occupa dell’educazione e della salute dei giovani, deve tenere presente che ad oggi il loro modo di esprimersi passa attraverso i social media ed è pertanto fondamentale la conoscenza di tali strumenti per intercettare il loro eventuale disagio psicologico, che troppo spesso sfugge alla nostra attenzione.

Alcune recenti ricerche dimostrano come proprio attraverso gli stessi social media, si possano promuovere iniziative volte a tutelare la salute mentale e ad intercettare i bisogni emotivi dei giovani, fornendo loro supporto psicologico. Concludendo, oggigiorno, per favorire un adeguato sviluppo psicologico ed emotivo dei più giovani, è estremamente importante che genitori, insegnati, educatori e personale sanitario capiscano il ruolo che i social media hanno nelle vite quotidiane dei bambini e degli adolescenti.

close

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER PER RICEVERE GLI ULTIMI ARTICOLI SU ARTE, CULTURA, PAESAGGI, VIAGGI E TURISMO OLTRE AD ALCUNE CHICCHE ESCLUSIVE!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Mario Tassone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

vita

Le difficoltà della vita di oggi

*di Bruno Pisani* Ogni giorno siamo chiamati, nel nostro contesto sociale e lavorativo, ad ascoltare la voce di chi soffre: i senza lavoro, i malati, i senza tetto, gli anziani soli, i migranti… E’ indispensabile prestare attenzione per essere vicini a tutte le forme di difficoltà umana, senza temere la distruzione della propria identità, ma […]

Continua a leggere
stress

Scacco matto allo stress: leggi le regole

*di Bruno Pisani* Anche se oggi il termine “stress” ha un’accezione negativa, cioè una risposta psicofisica a una quantità eccessiva di input emotivi, lavorativi o fisici, in realtà questo termine indicava originalmente una risposta fisiologica normale di tipo adattativo sicuramente positiva per l’evoluzione di ogni specie. Lo stress psicofisico può essere provocato da numerosi fattori, […]

Continua a leggere

Separazione e divorzio, differenze tra il temporaneo e il definitivo.

*di Bruno Pisani* Purtroppo non sempre separazione e divorzio legale coincidono con quello emotivo, anzi molto spesso questi due processi si realizzano in tempi diversi. La separazione emotiva dal partner presuppone la fine di un legame psicologico che può essere avvenuto prima della separazione legale o che non può esserci stata affatto, di solito il […]

Continua a leggere