Ritratte

apollonia nanni

*di Apollonia Nanni*

Tante le sfumature di rosa per descrivere l’universo femminile. Tante le pennellate, gli stili, i tempi, le emozioni, le parole d’ordine, le prospettive per parlare di un mondo complesso e prezioso come quello delle donne. Scegliamo di raccontarlo da un punto di vista, fra i tanti, molto singolare: quello dell’arte moderna e contemporanea, catturata per noi da un’artista, la nostra Apollonia Nanni, e trasferita su tela attraverso una serie inedita di “Ritratte”: il gioco di parole è voluto, “perché il volto è lo specchio dell’anima”. Raccontiamo una donna sensibile, impegnata, creativa, potente, espressiva. Un racconto che vuole essere anche un omaggio alla donna, sempre, non soltanto l’8 marzo, e per questo le “Ritratte” selezionate per voi sono convenzionalmente 12: una per ogni mese dell’anno.

ritratte alemani
CECILIA ALEMANI

E’ una curatrice e direttrice artistica italiana che vive a New York. Prima donna italiana a dirigere il Padiglione Italia alla Biennale di Venezia nella imminente 59ma edizione. Riveste un ruolo fondamentale sullo scenario artistico internazionale contemporaneo. Assieme al marito Massimiliano Gioni, noto curatore e critico d’arte, è ritenuta la coppia più influente nel campo dell’arte a livello mondiale. Mediterraneo e dintorni pubblicherà un’intervista a Cecilia Alemani nel mese di aprile, proprio in coincidenza con l’inaugurazione della Biennale di Venezia 2022.

ritratte

ZAHA HADID

E’ stata un’architetta e design irachena di fama internazionale, considerata la più importante rappresentante, in età contemporanea, dell’architettura declinata al femminile. Inconfondibile nel suo stile, ha realizzato fantasmagoriche architetture inedite e in ogni parte del mondo. E’ stata una delle capofila e massime esponenti della corrente decostruttivista. Prima donna a vincere il Pritzker Prize nel 2004. “Ridurre l’architettura ai suoi elementi essenziali, puri” il principio ispiratore delle sue imprevedibili asimmetrie.

kusama

YAYOI KUSAMA

“La regina dei pois”, i celebri pallini con cui ha riempito i salotti e le strade di New York cospargendone il mondo. Artista giapponese ha realizzato installazioni tridimensionali, performance di body painting e dipinti astratti. Ribelle al sistema, rivoluzionaria, vive, per libera scelta, da oltre cinquant’anni in un istituto psichiatrico, da cui ogni mattina, col suo parruccone rosso, questa “ragazza” di 92 anni esce e si dirige nel suo studio, dove inizia a solcare superfici di vario genere ripetendo ossessivamente i suoi colorati pallini. Proprio questi l’hanno resa una fra le artiste più quotate a livello internazionale e più influente degli ultimi anni.

ritratte

LIA RUMMA

Mercante, collezionista, gallerista di fama mondiale. Decana nel campo dell’arte contemporanea internazionale, fra le cinque donne più potenti del settore. “Sono una donna vitale e determinata, ma non sempre ho retto alla pressione degli eventi”. L’incontro determinante della sua vita con Marcello Rumma, “felici coincidenze”, collezionista appassionato d’arte. Insieme danno vita, negli anni, a mirabolanti e unici avvenimenti artistici che segneranno la storia dell’arte italiana e internazionale.

ritratte

PALMA BUCARELLI

La signora dell’arte moderna. “Io volevo diventare Caterina di Russia”. Critica d’arte, storica dell’arte, museologa italiana, una delle figure più influenti del settore del XX secolo, creatrice e ideatrice della GNAM (Galleria d’arte Moderna e Contemporanea di Roma), la prima donna a dirigere un museo pubblico in Italia, cui ha legato il suo nome per oltre 30 anni. Geniale. A lei si deve il merito di avere reso famosi molti artisti come Burri e Piero Manzoni. Oggi se conosciamo artisti come Pistoletto, Kounellis, lo dobbiamo alla sua sagacia. “Palma e sangue freddo” il suo motto!

ritratte

MARIA LAI

Maria Lai, la prima, autentica pioniera della Fiber Art in Italia sin dagli anni Sessanta. Famoso il Museo Fondazione Stazione dell’Arte, uno spazio espositivo che raccoglie le sue migliori opere. L’arte come placebo alle sue ferite, ai tanti travagli interiori, intrecciati nei sublimi filati per esorcizzare il mal di vivere, intervenendo sulla materia attraverso gli oggetti ansiosi Ready-Made del telaio e della magia del suo utilizzo. I suoi immaginifici “giochi” come amava definirli, rimarranno immortali.

lea vergine

LEA VERGINE

Critica d’arte e curatrice italiana, partenopea, autrice di numerosi saggi sull’arte contemporanea e organizzatrice di numerose mostre. Il suo ultimo libro, scritto prima della sua scomparsa, “L’arte non è faccenda di persone perbene”, è uno spaccato sulla sua vita familiare turbolenta e la caparbietà di questa “ragazza” del 1936 desiderosa di affermarsi nel mondo dell’arte. Sposata con il noto designer Enzo Mari, si trasferì a Milano dove diede vita a numerosi progetti avveniristici. “Senza alterigia, non ho però mai finto modestia: chi affronta qualcosa di enigmatico come l’Arte non può permettersi di essere modesto. Ma neanche può permettersi di non essere umile”!

frida

FRIDA KALO

Una delle artiste più mainstream degli ultimi anni perché, oltre al suo talento di pittrice, è stata trasformata in un’icona femminista. Nonostante i gravi problemi di salute che l’hanno tormentata per quasi una vita, ha dato sfogo ad essi vivendo l’arte come una cura. Il suo grande e tormentato amore Diego Rivera, anch’egli pittore, ha scritto: “Ho capito troppo tardi che la parte più bella della mia vita era il mio amore per lei”. Esaustivo il libro “Lettere appassionate” da cui si può evincere l’amore tra i due artisti, e quello di lei per l’arte e per la vita, nonostante tutto.

ritratte

PATRIZIA SANDRETTO RE REBAUDENGO. 

E’ tra i principali protagonisti sulla scena artistica contemporanea italiana e internazionale, fra le cinque donne più influenti al mondo nel campo dell’arte.  Mecenate, collezionista, gallerista. Alto collezionismo, produzione di qualità puntando sui giovani artisti e credendo nelle loro potenzialità, uno fra i tanti: Maurizio Cattelan, oggi fra i più quotati a livello mondiale. Nel 1995 nelle sale di Palazzo Re Rebaudengo, residenza settecentesca di famiglia tra le colline piemontesi, inizia ad infoltirsi la sua collezione. Nel 2002 prende forma la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo: uno spazio di 3500 metri quadrati nella città di Torino, interamente dedicati all’arte, alla ricerca, alla creatività, centro di livello internazionale, per lo studio, la sperimentazione e il confronto di artisti, critici, curatori e collezionisti di tutto il mondo.

ritratte

LOUISE BOURGEOIS

La solitaria, l’indomabile ribelle. La sua arte ha attraversato un secolo intero. Passione, timore, volontà, determinazione, temperamento e temperatura stilistica, hanno fatto di lei, pittrice e scultrice, una fra le maggiori Artiste del nostro tempo. Nel 1982, il MOMA di New York le dedica una grande retrospettiva. Privilegio assoluto riservato a una donna per la prima volta. Aveva 71 anni e fino ad allora aveva solo lavorato, dedita in condizioni sacerdotali alla sua arte della quale ha fatto la sua ragion d’essere! La sua una fede totale, assoluta, incrollabile nella centralità dell’opera d’arte. Famose le sue monumentali sculture raffiguranti un ragno.

peggy

PEGGY GUGGENHEIM

La signora dai “Mille Quadri”, una vita da visionaria, innamorata folle dell’arte, cosmopolita mecenate che ben ha incarnato il mito della miliardaria americana. Nipote di Salomon R. Guggenheim, proprietario e fondatore nel 1937 dell’omonimo Museo d’Arte Moderna e Contemporanea di New York, fra i più importanti al mondo. Genio e follia creativa caratterizzano la facoltosa famiglia. Peggy, diverrà una delle più forti sostenitrici dell’avanguardia europea. Pollock è famoso nel mondo grazie al suo acume e alla sua perspicacia nel procacciare e riconoscere “l’artista”. Il sogno di creare un museo di arte contemporanea lo esaudì in una delle città più belle e famose al mondo: Venezia! Il Peggy Guggenheim, scrigno di vita e storia della sua creatrice.

marina

MARINA ABRAMOVIC

Una delle personalità più celebri e controverse dell’arte contemporanea, con le sue inedite creazioni ha rivoluzionato l’idea di performance mettendo alla prova il proprio corpo, i suoi limiti e le sue potenzialità di espressione. Artista della Performance Art, protagonista di mostre, riconoscimenti prestigiosi e tournèe in tutti i musei e capitali europei. Nel 2023 le sarà dedicata una grande retrospettiva, After Life, alla Royal Academy of Arts di Londra, pronta a rendere Marina Abramovic, la prima artista donna a occupare l’intero spazio della galleria con l’opera d’arte di una vita, in 250 anni di storia dell’istituzione. Un nuovo traguardo, per l’artista bosniaca, audace e determinata, di cui vi racconteremo presto.

 

Ritengo il ritratto “il volto dell’anima”, in ognuno di queste “Ritratte” ho cercato di cogliere il loro essere, la loro arte! L’artista un indagatore che estrapola l’essere del soggetto al di là di ogni comune apparenza, e lo immortala per l’eternità! La mia, una affinità di pensiero nella scelta di ritrarle. La storia dell’arte è fatta anche da donne!

close

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER PER RICEVERE GLI ULTIMI ARTICOLI SU ARTE, CULTURA, PAESAGGI, VIAGGI E TURISMO OLTRE AD ALCUNE CHICCHE ESCLUSIVE!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Mario Tassone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

raffaella cortese

Raffaella Cortese si racconta dalla sua galleria milanese guardando il mondo fra arte, pandemia e guerra.

*di Apollonia Nanni* E se le donne governassero il mondo? Questa scritta al neon, suggestiva e provocatoria, lampeggiava nello spazio espositivo in via della Stradella 4, nel 2020 anniversario dei 24 anni di attività della Galleria d’arte Cortese, realizzata dall’artista israeliana Yael Bartana in occasione di Patriarchy is History, una mostra potente, inedita, indimenticabile.  L’autrice […]

Continua a leggere
cecilia alemani

Cecilia Alemani, una parabola ascendente

*di Apollonia Nanni* IL LATTE DEI SOGNI è il titolo della 59. Esposizione Internazionale d’Arte che avrà luogo nella città lagunare dal 23 Aprile al 27 Novembre 2022. Cecilia Alemani, direttrice artistica italiana residente a New York City. La prima donna italiana a dirigere l’Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia. Nel 2017 Cecilia aveva […]

Continua a leggere
castelmuzio copertina

La scommessa di Castelmuzio, il borgo salotto

*di Bianca Sestini* Il belvedere di Castelmuzio è una festa per gli occhi. Nelle giornate di cielo terso, chi sosta nei pressi della ringhiera o seduto ai tavolini della terrazza può ammirare sia la Valdichiana che la Val d’Orcia fino all’orizzonte. Spesso il suono del vento si fa sentire su questo affaccio. È uno di […]

Continua a leggere