ProFondo, il prosecco, come si fa da sempre

di Laura Boccuto

 

A Colbertaldo di Vidor, nella Marca Trevigiana, in Veneto, prorio nel bel mezzo tra le Dolomiti e la laguna di Venezia, si trova l’azienda Miotto. Siamo nell’area della Conegliano-Valdobbiane Docg. Qui Andrea e Matteo, riprendendo il lavoro del padre Walter, producono il prosecco con la P maiuscola.

Sette i loro Cru: Serre, Tenade, Col de Sas,  Sorapiana, Casonetti, Col dell’orso, anche se Il vigneto più rappresentativo, con la sua esposizione collinare è il Fedèra che dà il nome allo spumante Fedèra Brut Valdobbiadene DOCG. Il vigneto appartiene da sempre alla famiglia e le viti hanno oltre 70 anni. La Glera, ovviamente, è il vitigno a bacca bianca più coltivato, anche se non mancano altre varietà come la Bianchetta o il Verdiso il cui sistema di allevamento definito a doppio capovolto è davvero uno spettacolo da guardare.

Andrea e  Matteo sono vignaioli FIVI (Federazione italiana vignaioli indipendenti) e non poteva essere altrimenti, considerando che credono e salvaguardano la produzione dei vini con le loro solo uve, rispettando, come loro stessi affermano, il territorio e la tradizione.

La mia passione per i rifermentati col fondo oggi mi  porta a scegliere tra tutti ProFondo.

È il Prosecco DOC come si fa da sempre. Per essere tecnicamente corretti, si tratta di un rifermentato in bottiglia che non prevede sboccatura, il tappo è a corona. Dopo la prima fermentazione e un riposo sulle fecce fini per almeno  cinque mesi va incontro alla seconda fermentazione in bottiglia durante il periodo primaverile. Alla fine, quando tutti gli zuccheri saranno svolti, i lieviti esausti si depositeranno sul fondo della bottiglia. L’affinamento in bottiglia ne definirà la complessità.

È un Prosecco fatto con tutti crismi! Per questo, ogni volta mi seduce inevitabilmente. Con il suo colore e la sua grana fine, la sua mineralità, la sua freschezza e i suoi profumi  è un’emozione da ricordare!

  1. S. Io lo bevo con i lieviti in sospensione!

 

close

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER PER RICEVERE GLI ULTIMI ARTICOLI SU ARTE, CULTURA, PAESAGGI, VIAGGI E TURISMO OLTRE AD ALCUNE CHICCHE ESCLUSIVE!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Wine relais. Sleeping in the vineyards and discovering the secrets of wine

Autumn is that season, where you imagine yourself sipping a glass of wine in front of a lit fireplace, or dining in a barrel and sleeping among the vineyards that are tinged with the warm colors of yellows, oranges and reds. The soul gives way to slowness, the days begin to shorten and the desire […]

Continua a leggere

La zucca

di Giulio Francesco Valeriano – chimico e tecnologo farmaceutico, naturopata, farmacista   Il mese di ottobre è tipico per la raccolta della zucca, il cui periodo va da settembre fino a tutto novembre. Le zucche possono essere classificate in quattro grandi gruppi: Cucurbita Maxima, Cucurbita moscata, Cucurbita pepo, Cucurbita melanosperma, ma generalmente parlando di zucca […]

Continua a leggere

Il lampone

di Giulio Francesco Valeriano – chimico e tecnologo farmaceutico, naturopata, farmacista   Quando si parla di lampone solitamente ci si riferisce al Rubus Idaeus e più precisamente al suo frutto. Lampone è infatti sia  il nome della pianta, sia della sua bacca, che in realtà è un falso frutto composto da drupe o drupeole; il […]

Continua a leggere