Per il Sud un’occasione per attivare percorsi virtuosi di sviluppo

antonio mazzei

*di Antonio Mazzei*

Scienza, tecnologia, ricerca e innovazione rappresentano per il sistema produttivo la via maestra per innescare processi strutturati di crescita in modo da sostenere la complessa  competizione internazionale, in un’economia sempre più  globale, dinamica e resiliente  ai rapidi cambiamenti. In questa ottica uno degli obiettivi  delineati dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza riguarda la creazione e il rafforzamento di “ecosistemi dell’Innovazione”  e la costruzione di “leader territoriali di R&S” con l’obiettivo di  coniugare “il valore innovativo”  con la “riqualificazione e la rifunzionalizzazione” di siti al fine di  ottenere “benefici economici e  sociali” per i territori.

E l’Agenzia per la Coesione Territoriale  ha di recente messo a bando, a valere sulle risorse del PNRR e del Fondo Complementare, 350 milioni di euro per la creazione di “Ecosistemi per l’innovazione  al Sud in contesti urbani marginalizzati” da realizzarsi nelle  Regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia,  Sardegna, Sicilia. Per il Sud l’ennesima occasione per attivare  percorsi virtuosi di sviluppo in  grado di far leva sulle proprie eccellenze, mettendo a sistema organismi di ricerca (come le  università) anche in collaborazione tra loro o con enti locali,  imprese e “altri soggetti pubblici e privati”.

Un punto di partenza imprescindibile per affrontare le  diverse sfide che il Sud si troverà ad affrontare nei prossimi anni quali incrementare il numero e le dimensioni delle imprese  innovative nei settori ad alta intensità di conoscenze, favorire  processi di trasferimento tecnologico a favore delle imprese,  superare il digital divide e accrescere gli investimenti green,  sostenere i percorsi di crescita di start up innovative e spin off della ricerca. Temi diversamente dibattuti e affrontati negli anni  dalle varie programmazioni regionali e, seppur in un contesto  di indicatori negativi, rappresentati da alcuni casi di eccellenza che ci lasciano ben sperare su un Sud capace di essere  protagonista del proprio futuro.

Temi sui quali Mediterraneo e dintorni tornerà a discutere con una rubrica dedicata, anche per  fornire un contributo propositivo a questo nuovo auspicato  protagonismo!

close

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER PER RICEVERE GLI ULTIMI ARTICOLI SU ARTE, CULTURA, PAESAGGI, VIAGGI E TURISMO OLTRE AD ALCUNE CHICCHE ESCLUSIVE!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Mario Tassone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *