Passeggia nell’affascinante storia dell’iconico Central Park di New York

Molto tempo fa, le iconiche strade a griglia di New York City lasciavano poco spazio agli spazi verdi. Ma intorno al 1840, i newyorkesi si stavano stancando di dover trovare rifugio dalla vita di città nei cimiteri e in altri luoghi improbabili. Da questo malcontento è nato Central Park.

La terra scelta per il parco era il sito di piccoli villaggi e istituzioni come Pigtown, un’alleanza e una scuola presso l’Accademia di Mount St. Vincent e l’ormai famoso ma un tempo dimenticato Seneca Village. Tutte queste terre furono espropriate per fare spazio al  “Piano Greensward” di Frederick Law Olmstead e Calvert Vaux per Central Park.

Costruire un parco per le persone

La storia e l'eredità del Central Park di New York

Foto: Foto d’archivio da Creative Family / Shutterstock

Il progetto di Central Park è stato il risultato di un concorso pubblico vinto da Calvert Vaux e Frederick Law Olmstead, il “padre dell’architettura paesaggistica americana” e allora giornalista. Il parco è stato pensato come “un parco per la gente” e per essere accessibile a tutti. Gli ingressi, ad esempio, non sono stati progettati con grandi archi o con segnaletica significativa. Invece, ampi sentieri pedonali invitano i passanti a entrare e attraversare senza la sensazione di imporsi su una proprietà privata.

Oltre a questo il “Piano Greensward” aveva un’altra caratteristica fondamentale che lo distingueva dal resto delle proposte. Il parco non doveva confondersi o integrarsi con New York City. Invece, doveva essere una “giunzione” tra la città e la natura. Inoltre, non doveva emulare il rigido sistema a griglia di New York, ma doveva essere pieno di pittoreschi sentieri tortuosi che avrebbero formato la propria logica organizzativa.

Il Central Park Conservancy è un’organizzazione no-profit che ora gestisce il parco e assicura la sua storia e il design è conservato.

Seneca Village

Lungo il confine di quello che oggi è Central Park, dall’82° alla 29° strada, si trovava la più grande comunità nera di proprietari di case di New York. Questa faceva parte dell’enorme quantità di terreno espropriato per far posto alla creazione del parco. Sebbene non sia stato l’unico villaggio rilevato, ha avuto un impatto significativo. Circa il 20% della popolazione afroamericana proprietaria di proprietà di New York è stata sfollata quando il villaggio di Seneca è stato demolito.

La comunità era composta da circa due terzi di immigrati afroamericani e un terzo irlandesi, sebbene vi vivessero anche alcuni immigrati tedeschi. Si ritiene che i newyorkesi neri si siano trasferiti in questa zona per cercare sollievo dal razzismo e dalle condizioni di vita più povere nel centro della città. È anche importante notare che il possesso di una proprietà era un fattore importante per l’eleggibilità al voto: dei soli 100 newyorkesi neri in grado di votare nel 1845, 10 di loro vivevano a Seneca Village.

Le chiese, i cimiteri e le case ormai scomparse di questi residenti sono stati scavati e ci aiutano a capire la vita quotidiana prima del parco. Le informazioni possono essere trovate sulla segnaletica a Central Park vicino all’area in cui un tempo sorgeva la comunità.

Visitare il Parco

La storia e l'eredità del Central Park di New York

Foto: Foto d’archivio da GagliardiPhotography / Shutterstock

Ora che conosci un po’ gli eventi storici e le figure che hanno influenzato questo parco storico, diamo un’occhiata ad alcune delle più famose attrazioni e caratteristiche di design di Central Park.

FONTANA E TERRAZZA DI BETHESDA

La storia e l'eredità del Central Park di New York

Foto: Foto d’archivio da Javen / Shutterstock

Due grandi scale incorniciano la scena da oltre la fontana e collegano entrambi i livelli della terrazza. Il porticato vanta l’unico soffitto al mondo con piastrelle Minton ed è stato sottoposto a un serio restauro per preservare il suo design unico. La terrazza è anche degna di nota per essere la destinazione finale alla fine del Mall (o Passeggiata letteraria).

CASTELLO DEL BELVEDERE

La storia e l'eredità del Central Park di New York

Foto: Foto d’archivio da Alon Adika / Shutterstock

Il Castello del Belvedere è un’altra caratteristica del design che è stata inclusa nel Piano Greensward originale. Il nome belvedere viene tradotto in italiano “bella vista”. Questo soprannome è appropriato in quanto il piccolo castello è stato progettato per fornire la migliore vista di Central Park dalla sua piattaforma sopraelevata.

CAROSELLO DI CENTRAL PARK

La storia e l'eredità del Central Park di New York

Foto: Foto stock da Lewis Tse Pui Lung / Shutterstock

ZOO DI CENTRAL PARK

La storia e l'eredità del Central Park di New York

Foto: Foto d’archivio da EQRoy / Shutterstock

Lo zoo di Central Park è un’estensione di quello che in origine era il serraglio, il primo zoo pubblico di New York. Il serraglio non faceva parte del piano Greensward originale, ma l’idea per il suo design divenne più popolare man mano che i newyorkesi si interessarono lentamente alla fauna selvatica e donarono animali al parco. Il Central Park Zoo fa ora parte di cinque strutture gestite dalla Wildlife Conservation Society.

PASSEGGIATA LETTERARIA

La storia e l'eredità del Central Park di New York

Foto: Foto d’archivio da Jennifer Griner / Shutterstock

Riuscite a indovinare cosa rende questa passeggiata così diversa dal resto del parco? Come potresti ricordare dal nostro riassunto del progetto iniziale del parco, le passerelle sono state progettate per essere pittoresche e non lineari come il sistema a griglia di New York. The Mall, o Literary Walk, è l’unica linea retta deliberata nel design del parco. È anche la “passeggiata formale” centrale ed è stata progettata in linea con la missione del progettista “parco per le persone”. Aveva lo scopo di dimostrare che persone di ogni estrazione diversa potevano coesistere in uno spazio pubblico. L’area prende il soprannome di Literary Walk da quattro statue: William Shakespeare , Robert Burns, Sir Walter Scott e Fitz-Greene Halleck.

LOEB BOATHOUSE SUL LAGO

La storia e l'eredità del Central Park di New York

Foto: Foto d’ archivio da Richard A. McGuirk / Shutterstock

Il Loeb Boathouse è un attracco di barche di lunga data sul lago che ora include una sala da pranzo formale, aree da pranzo esterne e uno stand di concessione. È stato originariamente proposto da Olmsted e Vaux per immagazzinare barche a remi. Questa originale rimessa per barche in stile vittoriano fu distrutta nel 1950 e quattro anni dopo fu sostituita con la struttura che attualmente si trova al suo posto.

PRATO DI PECORE

La storia e l'eredità del Central Park di New York

Foto: Foto d’archivio da DW labs Incorporated / Shutterstock

Questo campo di 15 acri era incluso nel Piano Greensward originale come un “terreno d’armi” per marce ed eventi simili, sebbene Olmsted e Vaux non volessero che nessuno lo usasse per questo scopo poiché pensavano che l’area serena non dovesse essere danneggiata da eventi militari. Alla fine hanno realizzato il loro desiderio quando i commissari del parco hanno ignorato questo requisito di progettazione precedentemente obbligatorio e hanno permesso all’area di diventare invece un pascolo. Le pecore vere si sono divertite a Sheep Meadow dal 1864 al 1934 fino a quando il commissario del parco cittadino Robert Moses non le ha rimosse.

WOLLMAN RINK

La storia e l'eredità del Central Park di New York

Foto: Foto d’archivio da GagliardiPhotography / Shutterstock

La pista di pattinaggio sul ghiaccio di Wollman si trova nell’angolo sud-est di Central Park. Fu costruito per la prima volta nel 1949 quando una parte del lago fu prosciugata per fare spazio al pattinaggio. I visitatori possono ora scivolare sulla pista tutto l’anno con pattinaggio sul ghiaccio in inverno e pattinaggio in linea in estate.

Fonte: urly.it/3c8dv

 

close

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER PER RICEVERE GLI ULTIMI ARTICOLI SU ARTE, CULTURA, PAESAGGI, VIAGGI E TURISMO OLTRE AD ALCUNE CHICCHE ESCLUSIVE!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *