Il fascino fiabesco di Bibury, definito “il più bel villaggio d’Inghilterra”

Il celebre scrittore inglese William Morris lo definì “il più bel villaggio d’Inghilterra”: Bibury è senza dubbio all’altezza di questa fama. Basta osservare uno scorcio di Arlington Row, l’antica schiera di cottage in pietra che sembra uscita da una fiaba.

 

Il celebre scrittore inglese William Morris lo definì “il più bel villaggio d’Inghilterra”: Bibury è senza dubbio all’altezza di questa fama. Basta osservare uno scorcio di Arlington Row, l’antica schiera di cottage in pietra che sembra uscita da una fiaba.

A Bibury, nella contea del Gloucestershire, il tempo sembra essersi fermato. I cottage di mattoni scuri sono attraversati dal fiume Colm, dalle acque placide, e circordanti dalle verdeggianti colline Cotsworlds. Situato a soli 130 km da Londra, Bibury risale al Medioevo, quando le caratteristiche abitazioni in pietra vennero costruite come ovili per i monaci, per mantenere il mercato più redditizio della contea, la manifattura tessile. A partire dal XVII secolo i cottage vennero divisi in volumi più piccoli e convertiti nelle dimore dei tessitori.

Arlington Row prosegue fino all’Arlington Mill, un mulino che un tempo veniva usato per asciugare i capi di lana dopo la tintura. La zona paludosa che lo circonda è una suggestiva riserva faunistica dove possiamo trovare folaghe, anatre, germani reali e gallinelle d’acqua. Oltre ad altri incantevoli cottage punteggiati da muschi e licheni, nel piccolo centro urbano di Bibury si trova la Chiesa di St Mary (Chiesa di Santa Maria), risalente addirittura all’VIII secolo, al periodo sassone, e restaurata nel XIII secolo.

Bibury è tra i villaggi più famosi del Regno Unito, e accoglie moltissimi turisti ogni anno, ma ha soltanto 600 abitanti. I turisti sono ben accolti: molti cottage sono stati trasformati in hotel per offrire ai turisti un’esperienza della cultura locale. Altri, invece, sono stati convertiti in musei per permettere ai visitatori di apprezzare la storia di Bibury.

 

Fonte urly.it/3c8ct

close

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER PER RICEVERE GLI ULTIMI ARTICOLI SU ARTE, CULTURA, PAESAGGI, VIAGGI E TURISMO OLTRE AD ALCUNE CHICCHE ESCLUSIVE!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Intesa vincente. A Lecce la frisella incontra il design con Frisella Point Valorizzare il cibo della tradizione attraverso l’unione delle eccellenze del territorio e del linguaggio contemporaneo dell’estetica a tavola.

A pochi passi dalla Basilica di Santa Croce e da Porta Napoli, la frisella, regina della convivialità delle tavole estive salentine, ha trovato il proprio regno. Frisella Point è un intimo spazio interno, con dehors su piazzetta Santissima Addolorata 14, che si propone al pubblico come “ristorazione culturale”, per valorizzare un prodotto semplice della tradizione […]

Continua a leggere
porsenna

Il labirinto di Porsenna

*di Bianca Sestini* Oltre al suo magnifico lago, gli Etruschi sono il motivo principale della fama di Chiusi dentro e fuori dalla Toscana. Stando a fonti latine, sarebbe stato uno dei primi insediamenti di questa antica civiltà. Per alcuni la città fu fondata da Telemaco, il figlio di Ulisse, per altri dall’eroe Cluso. Da allora, […]

Continua a leggere
brion

L’inno all’amore della Tomba Brion

*di Carlo Piano* La Tomba Brion è la storia di un amore scritta con acqua, aria e cemento armato. Quando Onorina Tomasin chiese a Carlo Scarpa di creare il mausoleo per ricordare il marito Giuseppe Brion, improvvisamente scomparso, lui accettò a una condizione: doveva avere la parola della vedova che non si sarebbe mai risposata. […]

Continua a leggere