Corona virus e pandemia da… fake news

di Massimo Lucidi

Povera Netiquette! In tempi di pandemia vera, tragica, dolorosa che porta lutti e ingenti perdite economiche, non avrei mai pensato di assistere a tanti post di fake news e un continuo trillare di  telefono per notifiche a raffica, fuori luogo, della “qualunque”.

Pur di partecipare alla tragedia collettiva del momento, i navigatori della rete non si rendono conto né di cosa “vedono” (non certo “leggono”), né si rendono conto di quel che condividono. Addirittura abbiamo maniaci della condivisione compulsiva. Gente che sostituisce il cogito (ergo sum) con il condiviso. Ma di che? Ma che senso ha condividere una cosa che manco ti appartiene? Un trillo continuo… centinaia se non migliaia di notifiche in poche ore di post ripetuti Non verificati. Falsi. Che vorrebbero far ridere (per fortuna qualcuno ci riesce pure) ma finiscono per distoglierti ancora di più da quella legittima ricerca del sé che dovremmo realizzare in questa quarantena.

Riprendiamoci i nostri spazi. Disconnettevi, verrebbe da dire.

Peccato per questo uso distorto e lesivo dei propri devices, che viceversa avrebbero potuto riunire famiglie e sentimenti divisi anche in ore dolorosissime come la morte che ti coglie in isolamento da Covid-19 lontano dai tuoi affetti. Che commozione mi ha dato sapere di quel personale sanitario permettere un video-saluto tra la nonnina morente in ospedale e la nipote a casa.

In questo mondo che davvero gira al contrario e che mai come in questo momento determina tante incognite e cattivi pensieri, prevale un senso di precarietà e nervosismo senza uguali. Meglio stare connessi un po’ di meno, ma continuare a lavorare su se stessi e sui contenuti, dominando ansie e paure. Se si può. Mi raccomando.

Perché tutto questo? Credo che nelle prossime settimane ci saranno studi psichiatrici a chiarire gli stress che un uomo 4.0 non pronto sta subendo.

 

close

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER PER RICEVERE GLI ULTIMI ARTICOLI SU ARTE, CULTURA, PAESAGGI, VIAGGI E TURISMO OLTRE AD ALCUNE CHICCHE ESCLUSIVE!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Giornali, TV e social ti fanno “unicum”.

– di Massimo Lucidi – “Il futuro è digitale” era un vecchio slogan. Il presente, anche grazie al Covid è assolutamente digitale in tanti aspetti della vita. Qualcuno definisce l’homo sapiens, digitalis, un “uomo dato”. Definizioni legate a tanti aspetti… Tra tutti, quello della reputazione mi tocca professionalmente e qui ne condivido una riflessione. La […]

Continua a leggere

Dalla seduzione alla relazione (non solo) digitale

di Massimo Lucidi   L’estate è passata… speriamo che anche il Covid e il suo terribile e conseguente distanziamento sia alle nostre spalle. Mentre scrivo (sono in procinto di recarmi a Venezia per il 77° Festival del Cinema) la riflessione stessa mi convince che sia giunto il tempo per parlarne anche su questa mia rubrica. […]

Continua a leggere

Si sta affermando il #webdelleopportunità

di Massimo Lucidi   Amici, sin dal primo numero del nostro «Mediterraneo e ditnorni»  avete letto una rubrica dedicata alla Netiquette. Ampi riferimenti al Networking e alla Netreputation non sono mancati in questi numeri che ci hanno accompagnato fin qui… all’estate 2020. È bene che, giunti ad agosto di un anno davvero molto particolare, fin […]

Continua a leggere