Pop Art, oltre la pittura

luigi polillo

*di Luigi Polillo*

Fenomeno artistico che ebbe origine negli Stati Uniti intorno al 1960 e che di lì a poco si sarebbe diffuso rapidamente in tutto il mondo, creando sconcerto nell’opinione pubblica: la Pop art, mossa dalla costatazione che l’uomo vive consapevolmente in mezzo agli oggetti industriali, bombardato da una serie di fattori esterni e messaggi pubblicitari acustici e visivi, che hanno il grande potere illusionistico e attrattivo generato appunto dall’immagine.

Viviamo in un’ epoca in cui l’imagologia diviene sempre più determinante nella prospettiva culturale e sociale condizionando le menti e gli stili di vita. La Pop art, dunque , è “arte popolare” che assume il linguaggio visivo divenendo patrimonio di tutti e pone al centro dell’attenzione gli oggetti nuovi\usati da cui siamo circondati quotidianamente, anche i più banali; l’oggetto quindi viene estraniato dal proprio contesto divenendo un oggetto-totem che evidenzia la sua esistenza.

andy warhol

Fra gli esponenti della pop art americana emergono Jasper Johns, Rauschnberg Lichtensteins ed Andy Warhol; quest’ultimo è stato il più importante rappresentante della Pop art Americana, di fatti, nessun artista è stato capace di incarnare le contraddizioni degli Stati Uniti come Andy Warhol. I temi prescelti dall’artista sono quelli consueti della vita contemporanea, stereotipati e condizionanti: divi cinematografici e politici degli anni Sessanta – Settanta Marilyn Monroe, Liz Taylor ecc. oppure oggetti di consumo quotidiano. Se, come in un celebre aforisma di Warhol “la Pop art è amare le cose”, per comprendere l’estetica americana occorre tornare a osservare le “cose” della Pop art. L’influenza della Pop art americana arriva anche in Europa, dando origine a varie tendenze come l’arte povera ed il concettualismo.

marilyn

Tra gli esponenti italiani è importante citare: Mario Schifano, Enrico Baj, Michelagelo Pistoletto e il nostro conterraneo Mimmo Rotella, riconosciuto in uno scenario internazionale per i suoi manifesti cinematografici e pubblicitari strappati con la tecnica del dècollage; in ogni sua opera donò vita, memoria e poesia, uno strappo, il suo, che rimarrà indelebile in ognuno di noi.

close

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER PER RICEVERE GLI ULTIMI ARTICOLI SU ARTE, CULTURA, PAESAGGI, VIAGGI E TURISMO OLTRE AD ALCUNE CHICCHE ESCLUSIVE!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Mario Tassone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

pennatule

L’Ultimo ricordo dell’anno: l’Eden delle Pennatule

*di Giovanni Laganà* Capita, non di rado, che qualcuno mi chieda quale sia il sito o il soggetto che, nel tempo, mi abbia più colpito e rimasto nell’anima. La risposta non è facilmente determinabile in quanto ogni immersione, anche quella apparentemente più banale, lascia sempre il segno scolpito nella mia mente sotto forma di emozioni […]

Continua a leggere
tempo perduto proust

Sempre alla ricerca del tempo perduto

*di Eliana Iorfida* “Dopo 712 pagine di questo manoscritto – dopo infinite desolazioni per gli sviluppi insondabili in cui ci si deve sprofondare ed esasperanti momenti d’impazienza per l’impossibilità di risalire alla superficie – non si ha nessuna idea di quello di cui si tratta. Che scopo ha tutto questo? Che cosa significa? Dove ci […]

Continua a leggere
cametti

Quando una passione diventa arte – Intervista a Francesca Antonini

*di Apollonia Nanni* Federico Fellini pensando  Roma, la città eterna, soleva dire: “Gli intellettuali, gli artisti, che vivono sempre in uno stato di frizione fra due dimensioni diverse- la realtà e la fantasia-trovano qui la spinta adatta e liberatoria delle loro abilità mentali. Quindi Roma la piattaforma ideale per dei voli fantastici (…). Ed è […]

Continua a leggere