Pantelleria, l’isola baciata dal mito e dalla storia

elio di bella

*di Elio Di Bella*

“La storia è la chiave per intendere la Sicilia, ancor più necessaria che per intendere qualsiasi altra collettività umana”, ha scritto lo scrittore siciliano Leonardo Sciascia.

Se vi è un centro catalizzatore di molti eventi storici che hanno determinato il destino della Sicilia, questo centro è senz’altro il Mediterraneo. 

“Continente liquido” lo ha definito Fernand Braudel.  

Le testimonianze più belle sul passato di un’Isola che sta al centro del Mediterraneo sono quelle che il mare stesso ci ha tramandato. Il Mediterraneo è un “enigma meraviglioso”  che non spiega tutta la complessità di eventi secolari, ma può rimettere molte cose a posto per comprendere le vicende di una civiltà come quella siciliana, la cui storia non si è rinchiusa nei suoi confini, ma li ha ampiamente superati e ciò ben prima della globalizzazione. Dapprima la Sicilia è stata “baciata” dalla mitologia mediterranea, raccontata da Omero. Ateneo di Naucrati ha scritto che attraversando le coste della Sicilia, i naviganti si orientavano vedendo i frontoni dei templi delle città greche che erano nate sulla costa. Così individuavano Siracusa, Gela, Akragas, Selinunte, senza bisogno di carte nautiche.

Gli dei mediterranei, arrivati con i più diversi “popoli del mare”, e i loro templi, trovarono casa in Sicilia e vi misero radici a lungo.  Akragas secondo la tradizione ha dedicato un tempio ai Dioscuri, espressamente invocati, come ci riferisce Omero, per proteggere i naviganti dalla tempesta e  altre  fonti ci dicono che non tanto durante la navigazione quanto soprattutto nelle soste, negli approdi temporanei o prima della partenza o all’arrivo era obbligatorio invocare l’aiuto divino tramite sacrifici, riti e cerimonie di varia natura. La Sicilia, quindi, con la sua religiosità univa il mare dei naviganti al cielo delle divinità. Fu in Sicilia che Cartaginesi, Greci e Romani si contesero il dominio nel Mediterraneo.  La guerra degli Empori per conquistare le città costiere, la battaglia di Imera che contrappose Cartagine alle due maggiori potenze dell’Isola (Akragas e Siracusa), le guerre puniche tra Romani e Cartaginesi si conclusero sempre con trattati di pace scritti col sangue che affermarono alla fine il trionfo di Roma, che pertanto cominciò a chiamare il Mediterraneo “Mare Nostrum”. 

Siracusa si affrettò a mandare il grano siciliano a Roma e così gli imperatori romani scoprirono che l’Isola era il granaio del Mediterraneo. Il vino siciliano, arrivò con le anfore nelle navi onerarie romane in ogni città e la migliore salsa di pesce del tempo (“garum) si faceva in Sicilia…così con i piatti della  gastronomia sicula nacque la dieta mediterranea. Fu la fertilità della territorio e la disponibilità del grano ad attirare gli Arabi in Sicilia, insieme alla volontà di impadronirsi delle maggiori basi mercantili del Mediterraneo. Si erano attestati nella sponda africana del Mediterraneo ma sapevano che ciò non bastava per avere il controllo dell’intero bacino. Durante la dominazione araba Palermo (Balarm in arabo) si distinse per lusso e per ricchezza e divenne una capitale mediterranea, con più di 300 moschee (così riferisce nel 973 Ibn Hawqal, viaggiatore arabo dell’epoca normanna ) ed una popolazione di oltre 250.000 abitanti, quando a Roma o Milano non c’erano più di 20 o 30.000 anime. 

La Sicilia era in quei tempi il giardino del Mediterraneo e, reinserita nella rete marittima di scambi commerciali, divenne il perno delle attività nel Mediterraneo con un ruolo dominante anche in campo culturale. Come afferma lo storico italiano  Antonio De Stefano: «La cultura araba siciliana, sin dall’epoca degli emiri Kelbiti ( 948 ), aveva già raggiunto un prodigioso rigoglio. Erano fioriti gli studi di teologia e di giurisprudenza, di medicina, di astrologia e di meccanica, di grammatica, di filologia e di storia, ed era soprattutto fiorita la poesia. La maggior parte dei dotti e degli scienziati erano stati anche poeti». All’interno del Mediterraneo, tra due sponde opposte, quella africana e quella siciliana, l’influenza culturale è stata così profonda che ancora oggi, infatti, la terminologia dei pescatori tunisini è in dialetto siciliano, mentre molte parole siciliane del mondo contadino sono arabe.  

isola pantelleria

Lo storico e arabista italiano Umberto Rizzitano, nel corso di una conferenza tenuta a Tunisi, mettendo  in rilievo la similitudine che rende gemelle ed uguali l’Ifriqyya e la Siqillyya nel Mediterraneo, ha lanciato un appello sperando in una riconciliazione dei popoli che vivono in queste due sponde del Mediterraneo. Ha suggerito il gemellaggio da Palermo a Qayrwàn, da Mazara a Monastir, da Trapani a Sousse, e da Siracusa a Sfax. La conferenza era così intitolata «Ifriqiyyà et Siqilliyyà, un jumelage méditerranéen» (Africa e Sicilia, un gemellaggio mediterraneo). In un mondo che naviga senza bussola, può essere anche questo un modo antico, ma sempre attuale di scoprire nella storia del Mediterraneo il vero senso e il vero destino di questo mare: il posto giusto dove i popoli possono cominciare a vivere insieme nella pace e nella prosperità.

close

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER PER RICEVERE GLI ULTIMI ARTICOLI SU ARTE, CULTURA, PAESAGGI, VIAGGI E TURISMO OLTRE AD ALCUNE CHICCHE ESCLUSIVE!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Mario Tassone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

calabrotte

Le Calabrotte delle Langhe

*di Maria Lombardo* L’emigrazione che tanto fa discutere le “menti eccelse” dei neo meridionalisti; gli stessi che tanto si lambiccano ad addebitare colpe e cause agli eventi storici del Risorgimento; ad immaginare becere congetture, inutilissime collusioni con la massoneria e via dicendo, ebbene: l’emigrazione in alcuni casi è stata un’ancora di salvezza, anche se costoro […]

Continua a leggere
davidde

Un abisso di storia e arte. A tu per tu con Barbara Davidde.

*di Paolo Di Giannantonio* Chiudiamo gli occhi e cerchiamo di tornare indietro di 2600 anni. E immaginiamo di trovarci in uno dei punti più difficili del Mediterraneo, in quel Mare Adriatico che da sempre, anche prima di 2600 anni fa, era temuto per le sue tempeste improvvise, per i suoi cambi di umore più rapidi […]

Continua a leggere
carlo III

Anno Domini 1734. A Napoli giunge Carlo III

*di Maria Lombardo* Anche in missione culturale ieri dalla bellissima Sicilia ho osservato il “lavoro” dei meridionalisti che rievocavano in abiti d’epoca l’entrata a Napoli di Carlo III. Ebbene hanno dimenticato di documentarsi prima di agire. Ecco a voi cari lettori quello che accadde! Nel 1734, dopo due secoli di sudditanza in qualità di provincia […]

Continua a leggere