L’EDITORIALE

di Fabio Lagonia

Ci sono diversi spunti di riflessione che in questo mese ci spingono a considerare la bellezza dell’unità. Innanzitutto la data del 9 maggio, in cui si celebra la Festa dell’Europa nella ricorrenza della Dichiarazione di Schuman del 1950, atto ritenuto fondamentale per la costituzione di quell’unità europea per la quale tanto si è fatto, ma che non abbiamo ancora perfezionato. Tutt’altro! A maggio ricorre anche il centenario della nascita di Karol Wojtyla,  divenuto uno dei pontefici più decisivi e incisivi nell’abbattimento delle barriere ideologiche che hanno reso martire il nostro continente: aveva una visione storica, spirituale e culturale così potente dell’Europa che si è battuto sin dal primo giorno del suo pontificato perché si riunificasse;  risuona forte e attuale ancora oggi il suo grido d’amore lanciato a Compostela nel 1982: “Europa, ravviva le tue radici, rivivi i valori autentici che hanno reso gloriosa la tua storia e benefica la tua presenza sugli altri continenti”. Scendendo a più prosaica dimensione, maggio è anche il mese in cui è nato e si svolge il Giro d’Italia, probabilmente l’evento sportivo più unificante del Belpaese, attraversato dalle due ruote sin da quella mitica edizione del 1909, lungo città, colline, sentieri tortuosi e paesaggi unici. Unici come le Terre di Canossa, a cui abbiamo dedicato la copertina: luoghi intessuti di leggende e avvenimenti storici degni di nota, che ci parlano di un Medioevo in cui primeggiò la grancontessa Matilde, una delle più imponenti figure femminili di sempre. Unici, infine, come le “isole umane” fotografate dal giovane artista Paolo Ferraina il quale, a dispetto di un’unità sempre auspicabile, cristallizza col suo obiettivo i tanti isolamenti in cui può ritrovarsi un individuo.

 

 

close

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER PER RICEVERE GLI ULTIMI ARTICOLI SU ARTE, CULTURA, PAESAGGI, VIAGGI E TURISMO OLTRE AD ALCUNE CHICCHE ESCLUSIVE!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Intesa vincente. A Lecce la frisella incontra il design con Frisella Point Valorizzare il cibo della tradizione attraverso l’unione delle eccellenze del territorio e del linguaggio contemporaneo dell’estetica a tavola.

A pochi passi dalla Basilica di Santa Croce e da Porta Napoli, la frisella, regina della convivialità delle tavole estive salentine, ha trovato il proprio regno. Frisella Point è un intimo spazio interno, con dehors su piazzetta Santissima Addolorata 14, che si propone al pubblico come “ristorazione culturale”, per valorizzare un prodotto semplice della tradizione […]

Continua a leggere
porsenna

Il labirinto di Porsenna

*di Bianca Sestini* Oltre al suo magnifico lago, gli Etruschi sono il motivo principale della fama di Chiusi dentro e fuori dalla Toscana. Stando a fonti latine, sarebbe stato uno dei primi insediamenti di questa antica civiltà. Per alcuni la città fu fondata da Telemaco, il figlio di Ulisse, per altri dall’eroe Cluso. Da allora, […]

Continua a leggere
brion

L’inno all’amore della Tomba Brion

*di Carlo Piano* La Tomba Brion è la storia di un amore scritta con acqua, aria e cemento armato. Quando Onorina Tomasin chiese a Carlo Scarpa di creare il mausoleo per ricordare il marito Giuseppe Brion, improvvisamente scomparso, lui accettò a una condizione: doveva avere la parola della vedova che non si sarebbe mai risposata. […]

Continua a leggere