E tu? Hai mai letto l’Ulisse di Joyce?

eliana iorfida

*di Eliana Iorfida*

Qual è il giorno più celebre della storia della letteratura? Certamente il 16 giugno del 1904, ovvero la lunga giornata nella quale lo scrittore irlandese James Joyce scelse di ambientare l’Ulisse, capolavoro che quest’anno compie un secolo (edito il 2 febbraio 1922, giorno del compleanno dell’autore). Di quel 16 giugno sappiamo tutto, anche quello che non avremmo voluto o potuto e che – siamo onesti – non abbiamo ancora compreso fino in fondo, poiché Joyce ci costringe a percorrerlo ora per ora, minuto per minuto, trascinandoci in uno psicoviaggio abissale dal quale in pochi sono riemersi.

ulisse di joyce

Un viaggio che Leopold Bloom, in compagnia di sua moglie Molly e Stephen Dedalus, compie dentro e fuori di sé, sullo sfondo di una Dublino che non disdegna di sovrapporsi a Trieste, parte del variegato universo joyciano. “La mia anima è Trieste”, sembra sussurrarci all’orecchio la statua che ritrae lo scrittore su Ponterosso, nel Borgo Teresiano. Gli passiamo accanto, passeggiando per le vie della città che gli fu patria elettiva, dove si accinse alla stesura dei primi tre capitoli di un capolavoro fra i più controversi della letteratura mondiale.

Trieste quale tappa orientale di un’Odissea che volge a un’Itaca occidentale, Dublino. È qui che Joyce delinea la sua personale psicogeografia: mappa fisica dei luoghi, cui sottende una mappa psicologica degli stessi, di volta in volta legati agli “stati di alterazione” dei tre protagonisti. Se Torre Martello è Stephen, i pub e le strade sono Leopold (Episodio 12 – Ciclopi) e la stanza da letto al numero 7 di Eccles Street è Molly. Tutto attorno, palpita il vissuto collettivo. Una città intera restituita per flussi di coscienza.  

joyce

Nei diciotto episodi che compongono l’Ulisse, Joyce maneggia tecniche diverse: dalla narrazione classica in terza persona al dialogo, dalla parodia (Episodio 14 – Le mandrie del sole) all’acme assoluta del monologo conclusivo, interamente dedicato a Molly Bloom (Episodio 18 – Penelope), orchestrato in otto lunghi periodi privi di punteggiatura.

Una lotta ad armi impari contro il povero lettore? Una “spedizione in Nepal”, come ebbe a liquidarla la caustica Virginia Woolf o, piuttosto, una scrittura di “ostinato rigore”, per dirla con Borges, che nel ripercorrere con metodo l’Odissea offre una struttura esatta entro la quale raccapezzarsi? Come l’Ulisse di Omero anche quello di Joyce è un eroe che sfida sé stesso e il mondo viaggiando; anziché farlo per terre inesplorate preferisce solcare i lidi della topografia umana, là dove “Silenziosi, sassosi siedono negli oscuri palazzi d’entrambi i cuori: segreti stanchi della loro tirannia: tiranni desiderosi d’esser detronizzati”.

close

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER PER RICEVERE GLI ULTIMI ARTICOLI SU ARTE, CULTURA, PAESAGGI, VIAGGI E TURISMO OLTRE AD ALCUNE CHICCHE ESCLUSIVE!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Mario Tassone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

porsenna

Il labirinto di Porsenna

*di Bianca Sestini* Oltre al suo magnifico lago, gli Etruschi sono il motivo principale della fama di Chiusi dentro e fuori dalla Toscana. Stando a fonti latine, sarebbe stato uno dei primi insediamenti di questa antica civiltà. Per alcuni la città fu fondata da Telemaco, il figlio di Ulisse, per altri dall’eroe Cluso. Da allora, […]

Continua a leggere
brion

L’inno all’amore della Tomba Brion

*di Carlo Piano* La Tomba Brion è la storia di un amore scritta con acqua, aria e cemento armato. Quando Onorina Tomasin chiese a Carlo Scarpa di creare il mausoleo per ricordare il marito Giuseppe Brion, improvvisamente scomparso, lui accettò a una condizione: doveva avere la parola della vedova che non si sarebbe mai risposata. […]

Continua a leggere
junkers 52

Lo Junkers 52 di Isola delle Femmine, la storia di Zia Ju

*di Giovanni Laganà* E’ una storia – la nostra – che nasce in Sicilia, nell’estate del 1942, in una cornice da sogno: quella del mare di Isola delle Femmine, borgo marinaro situato a pochi chilometri da Palermo. Nel bel mezzo di una guerra mondiale senza precedenti, in una giornata particolarmente assolata, un’inusuale risonanza di motori […]

Continua a leggere