Cronorifugio di Georgi Gospodinov

daniela rabia

*di Daniela Rabia*

Cronorifugio (Voland) è un capolavoro della letteratura contemporanea. Georgi Gospodinov, poeta e prosatore bulgaro, è dotato di uno straordinario talento nell’arte del narrare. Gaustin, il suo nuovo protagonista, è un personaggio alquanto stravagante che viaggia nel tempo e nelle città di Zurigo, Sarajevo, Brooklyn, Sofia, Vienna, mescolando passato e futuro. “Non accumulate tesori nel presente, – ammonisce sul finale il viaggiatore singolare – dove le tarme e la ruggine li divorano e dove i ladri scavano e rubano.

Ma accumulateli nel passato, dove le tarme e la ruggine  non li divorano e dove i ladri non scavano e non rubano; perché, dove è il vostro tesoro, là ci sarà anche il vostro cuore”. Una storia raccontata con la maestria dello scrittore e la capacità di emozionare del poeta conduce i lettori in tanti luoghi e, al contempo, fuori da ogni luogo in quello spazio intimo che è la coscienza dell’individuo. Là senza balconi e finestre, senza affaccio sul mondo, l’uomo si misura con se stesso e coi propri limiti. Per poi tornare fuori e riflettere sul fatto che “Da qualche parte il passato esiste come una casa o una via, che hai lasciato per poco, per cinque minuti, e ti sei ritrovato in una città sconosciuta. Scrivono che il passato sarebbe un paese straniero. Idiozie. Il passato è la mia patria. Il futuro è un paese straniero, pieno di volti estranei, non voglio entrarci”. Così Gaustin e Georgi Gospodinov chiudono il rapporto indagato tra passato e futuro, saltando il presente che, essendo sotto gli occhi, non richiede attività indaginosa ma va solamente vissuto. In una triste epoca di pandemia e virus anche la letteratura si fa contaminare nelle parole al punto da far dire al narratore bulgaro che “…il passato è contagioso”. E “Il contagio si era diffuso ovunque”.

Ma a contagiare, contaminare e sbalordire il lettore non è tanto il senso dello scorrere del tempo e il dimenarsi tra le righe nel volo da ieri a domani, bensì lo stile, la trama, la capacità descrittiva, l’aggrovigliarsi dei fili nel corpo della storia che si dipanano alla fine. E l’amore che sovrasta il racconto. Seppur celato da un velo di sottile cinismo o solo da un pizzico di sano realismo “Le stelle splendono su di noi kantianamente fredde e la legge morale si rotola per strada da qualche parte”. Parafrasando vagamente Lev Tolstoj nell’incipit di Anna Karenina “Tutte le famiglie felici si somigliano; ogni famiglia infelice è invece infelice a modo suo”, nella  quarta di copertina di Cronorifugio di Georgi Gospodinov leggiamo “Tutte le storie che sono accadute si assomigliano, ogni storia non accaduta è accaduta a modo suo”.Il testo si è meritoriamente aggiudicato nel 2021 il Premio Strega Europeo, quella italiana di Giuseppe Dell’Agata è la prima traduzione mondiale  e consente la divulgazione di un’opera che va letta in ogni parte del mondo. Perché la letteratura, quella vera, quella bella è patrimonio dell’umanità e non può soggiacere al limite dell’incomunicabilità per motivi linguistici o geografici.

close

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER PER RICEVERE GLI ULTIMI ARTICOLI SU ARTE, CULTURA, PAESAGGI, VIAGGI E TURISMO OLTRE AD ALCUNE CHICCHE ESCLUSIVE!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Mario Tassone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

annientare

Annientare – recensione di Daniela Rabia

*di Daniela Rabia* È Michel Houellebecq a firmare uno dei primi capolavori letterari del 2022 con “Annientare”, edito La nave di Teseo. Un  romanzo in cui le vite si scontrano prima, s’incontrano poi per intuirsi, scoprirsi e infine viversi. Bruno, Paul, Aurélien, Prudence, Cècile, i personaggi del genio francese, poeta, romanziere, saggista, gravitano intorno al […]

Continua a leggere

“Complici e colpevoli” il nuovo libro di Antonio Nicaso e Nicola Gratteri

*di Daniela Rabia* “Complici e colpevoli. Come il Nord ha aperto le porte alla ‘ndrangheta”, Strade Blu Mondadori edizioni, è l’ultimo libro del Prof. Antonio Nicaso e del Procuratore della Repubblica di Catanzaro, Nicola Gratteri. Partendo dal dato ormai acclarato che da sessant’anni le mafie non sono più solo nel Mezzogiorno ma diffuse nelle regioni […]

Continua a leggere

La casa del nonno – Sandro Scoppa

*di Daniela Rabia* La casa e le problematiche inerenti a essa costituiscono il tema centrale del romanzo di Sandro Scoppa “La casa del nonno” (Rubbettino editore). Una centralità che orienta il lettore nell’avvicendarsi delle storie, dei racconti, delle vite dei molteplici personaggi che a volte s’intrecciano, altre si sfiorano, altre semplicemente si vivono a distanza. […]

Continua a leggere