La donna degli alberi di Lorenzo Marone

– di Daniela Rabia –

Se Lorenzo Marone torna in libreria con “La donna degli alberi”, Feltrinelli editore, la sua protagonista torna alla vita in natura, tra gli alberi, i gufi, le volpi, i monti e tanto altro.

E ritorna a se stessa. Perché stanca del rumore della vita urbana e desiderosa di ritrovare “il silenzio… che segue le cose rotte” e di superare “la distrazione che ruba lo sguardo, rende incapaci, insensibili agli impercettibili mutamenti che non ci riguardano da vicino”.L’oggetto della ricerca è l’amore, smarrito in una società frenetica e incapace di vedere guardando e di ascoltare sentendo. Ottobre, novembre, dicembre, gennaio, febbraio…scorrono i mesi più freddi sul Monte, come scorrono i capitoli che portano i nomi dei mesi dell’anno e annunciano l’arrivo della mite stagione, la primavera con marzo, aprile, maggio, giugno e l’estate calda con luglio, agosto, settembre. Il lettore invece lascia correre i suoi occhi tra le righe e coglie il senso più profondo della tensione alla pace, alla serenità del’animo, della ricerca appagata dalla sensazione di aver trovato. I personaggi ruotano intorno alla donna e le fanno compagnia: la Guaritrice a cui si può tranquillamente parlare della differenza tra ciò che si è e ciò che si è stati, la Rossa che gestisce la locanda del paese e trattiene la protagonista in casa per un anno, la Benefattrice che elargisce cure e cibo. E ancora lo Straniero, “padre di quella bambina venuta al mondo in una notte di bufera” e che ha trovato la donna nel bosco e l’ha chiamata fata, il Cane non meno importante con la sua presenza rispetto alle persone, il Monte fondamentale con la sua imponenza e la sua capacità di restituire “l’odore buono delle giornate che restano”.La donna degli alberi è il romanzo dell’abbandono alle cose e alle sensazioni pacificatrici dell’animo. Leggerlo equivale a distendersi. A gioire della semplicità e a concludere con l’autore “Non voglio altro che vivere”.La copertina sceglie efficacemente colori e forme raffigurando una donna che cammina tra gli alberi, tra il verde del bosco e delle chiome arboree e il celeste del suo vestito che appare un frammento di quel cielo che la sovrasta guidandola. Bussola al suo incedere è proprio il firmamento unito al suo sentire che la spinge a proseguire e a immergersi nella natura salvifica. Dopo “La tentazione di essere felici”, “La tristezza ha il sonno leggero”, “Magari domani resto”, “Un ragazzo normale”, “Tutto sarà perfetto” e “Inventario di un cuore in allarme” Lorenzo Marone ci regala un’ altra storia potente trattando un tema distante dagli altri eppure a ben vedere presente ovunque nella sua scrittura. È la cifra narrativa di quest’autore mettere nero su bianco una sensibilità acuita che si giova nel racconto di espressioni che sgorgano dal profondo dell’animo e rendono l’animo stesso protagonista. Questa volta con un co-protagonista altrettanto forte, lo stato di natura.

close

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER PER RICEVERE GLI ULTIMI ARTICOLI SU ARTE, CULTURA, PAESAGGI, VIAGGI E TURISMO OLTRE AD ALCUNE CHICCHE ESCLUSIVE!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Cronorifugio di Georgi Gospodinov

*di Daniela Rabia* Cronorifugio (Voland) è un capolavoro della letteratura contemporanea. Georgi Gospodinov, poeta e prosatore bulgaro, è dotato di uno straordinario talento nell’arte del narrare. Gaustin, il suo nuovo protagonista, è un personaggio alquanto stravagante che viaggia nel tempo e nelle città di Zurigo, Sarajevo, Brooklyn, Sofia, Vienna, mescolando passato e futuro. “Non accumulate […]

Continua a leggere
annientare

Annientare – recensione di Daniela Rabia

*di Daniela Rabia* È Michel Houellebecq a firmare uno dei primi capolavori letterari del 2022 con “Annientare”, edito La nave di Teseo. Un  romanzo in cui le vite si scontrano prima, s’incontrano poi per intuirsi, scoprirsi e infine viversi. Bruno, Paul, Aurélien, Prudence, Cècile, i personaggi del genio francese, poeta, romanziere, saggista, gravitano intorno al […]

Continua a leggere

“Complici e colpevoli” il nuovo libro di Antonio Nicaso e Nicola Gratteri

*di Daniela Rabia* “Complici e colpevoli. Come il Nord ha aperto le porte alla ‘ndrangheta”, Strade Blu Mondadori edizioni, è l’ultimo libro del Prof. Antonio Nicaso e del Procuratore della Repubblica di Catanzaro, Nicola Gratteri. Partendo dal dato ormai acclarato che da sessant’anni le mafie non sono più solo nel Mezzogiorno ma diffuse nelle regioni […]

Continua a leggere