Pillole di novità

di Emilio Tripodi

Monetica e Smartphone, che fine faranno le carte di credito?

È sempre più stretto il legame tra la monetica nelle sue varie forme ed il nostro smartphone che un tempo fungeva da telefono e qualche utilità o intrattenimento; oggi è un borsellino evoluto in grado di gestire e conservare al sicuro la propria identità digitale e le proprie risorse finanziarie. Attraverso applicazioni certificate che utilizzano algoritmi di cifratura di altissimo livello, gli smartphone di nuova generazione offrono all’utente la possibilità di gestire le proprie transazioni finanziarie tokenizzando le carte di credito (processo di associazione univoca e sicura della carta di credito fisica e/o virtuale al sistema di pagamento gestito dallo smartphone), tra i sistemi oggi più diffusi troviamo: ApplePay, GooglePay, SatisPay, Bill, DropPay, PayPal. In buona sintesi le carte fisiche (Visa, MasterCard ed altri circuiti) vengono dematerializzate, acquisite all’interno del proprio smartphone che fungerà da sistema di pagamento di fronte a qualsiasi POS che supporta la lettura in radiofrequenza dando altresì la possibilità di utilizzare una delle diverse carte in esso memorizzate.

Per quanto riguarda invece i sistemi SatsPay, Bill, PayPal ecc, si tratta di sistemi di trasferimento valuta attraverso messaggistica crittografata in accordo con i circuiti finanziari gestori delle carte di credito e bancomat; è possibile dunque gestire le ricariche del proprio conto virtuale, pagare transazione su esercizi commerciali online e fisici, bar supermercati, tabaccherie, pagare tasse e bollettini evitando così le lunghe file agli uffici postali e finanziari, il tutto in piena sicurezza e totale controllo dei limiti di spesa.

Per entrambi i sistemi, la sicurezza è di altissimo livello e non richiede mai l’inserimento e/o comunicazione di dati riservati della carta di credito, del proprio conto corrente ed altre informazioni sensibili durante le transazioni di pagamento: difatti una volta associati i dati, gli stessi non vengono più trasmessi in chiaro ma saranno i processi di tokenizzazione a comunicare attraverso i vari sistemi.

 

Viviamo in un mondo di IoT (Internet of Things – Internet delle Cose)

Arriva sul mercato l’ultimo accessorio di ALEXA by Amazon e si chiama EchoFlex, subito pronto per esser utilizzato: collegalo alla corrente e usa la tua voce per chiedere informazioni, aggiungere articoli al tuo carrello, conoscere le previsioni del tempo, chiamare senza usare le mani e controllare dispositivi per Casa Intelligente compatibili.

Rendi ogni ambiente più intelligente – In corridoio o in qualsiasi altro angolo della casa, Alexa è felice di aiutarti a rendere la tua vita quotidiana ancora più semplice. Usa la tua voce per impostare un timer o creare un promemoria. Puoi anche ascoltare le ultime notizie, le previsioni del tempo e le informazioni sul traffico, oppure chiedere i risultati sportivi, la programmazione cinematografica o gli orari di apertura di un ristorante.

Controlla più ambienti in casa con comandi vocali – Gestisci i dispositivi per Casa Intelligente compatibili usando solo la tua voce. Accendi la lampada prima di alzarti dal letto o la macchina del caffè mentre stai andando in cucina, oppure abbassa le luci per guardare un film senza alzarti dal divano.

Resta in contatto con i tuoi cari – Usa la funzione Annunci per inviare messaggi vocali in tutte le stanze in cui è presente un dispositivo Echo, oppure chiama con Drop In da una stanza all’altra, proprio come se usassi un interfono. Chiama l’AppAlexa o un dispositivo Echo compatibile senza usare le mani.

Progettato per tutelare la tua privacy – Alexa e i dispositivi Echo sono stati progettati con diversi elementi per la protezione della privacy. Ad esempio, EchoFlex è dotato di un apposito pulsante per disattivare i microfoni. Hai anche la possibilità di gestire le tue registrazioni vocali: puoi leggerle, ascoltarle o eliminarle in qualsiasi momento.

 

Https://www.facebook.com/mediterraneodintorni/
Condividi