Mettiti Komodo, arriva Nardi

A Chiampo, in provincia di Vicenza, Nardi ha ben quattro siti produttivi, l’ultimo dei quali inaugurato nel 2017. L’azienda progetta e realizza arredi in resina per l’outdoor di qualità e di design sia per il settore residenziale che per l’hospitality. La resina utilizzata è di altissima qualità ed è abbinata ad altri materiali come l’alluminio, il tessuto sintetico, gli imbottiti e il vetro, con risultati sorprendenti, di grande impatto, resistenti agli agenti atmosferici e completamente riciclabili. L’impiego di nuove tecnologie ha consentito di realizzare prodotti impensabili solo vent’anni fa, funzionali e talmente belli esteticamente da poter essere impiegati anche negli interni. Soprattutto ecocompatibili: all’ultimo Salone del mobile di Milano si è tenuto, non a caso, un incontro tra esperti sul tema, voluto dalla gallerista Rossana Orlandi e al quale Nardi ha partecipato, ironicamente ispirato a un mach di pugilato con tempi di parola regolamentati. Per l’azienda, del resto, la conferma della giustezza del percorso di ricerca e innovazione tecnologica intrapreso è arrivata con la selezione della poltroncina Net Relax dall’AD Design Index 2017 e da Reddott 2018 (fig. 1). La stessa leggerezza di questa seduta è trasmessa dai tavoli Net 100, anch’essi in polipropilene fiberglass e colori decisamente accattivanti (fig. 2).

Ultimo nato in casa Nardi è Komodo, straordinario sistema modulare di sedute imbottite, liberamente componibile,  progettato da Raffaello Galiotto, designer industriale e docente di Design all’Università di Ferrara (figg. 3 e 4). Il divano ha schienale e braccioli agganciabili su tutti i lati ed è facilmente smontabile: per la struttura, dalle forme arrotondate, Galiotto dice di essersi ispirato alla mutevolezza della natura e, in particolare, ai rami intrecciati degli alberi. Proprio in occasione del FuoriSalone  2019 a Milano, alla mostra evento Interni Human Spaces, l’azienda ha presentato in anteprima il risultato della prima fase di ricerca e sperimentazione di un progetto industriale per la rigenerazione della plastica usata: Regeneration, che è anche il nome dell’imponente installazione outdoor ideata da Raffaello Galiotto e costituita da 688 moduli del divisorio da esterno Komodo EcoWall, il primo prodotto Nardi realizzato con plastica rigenerata ottenuta dal ritiro di prodotti plastici giunti a fine vita. Una stanza a cielo aperto è stato definito questo spazio dalle forme dinamiche ottenuto tramite sovrapposizione e rotazione di dieci anelli quadrati accessibili da due lati, al cui interno le persone hanno potuto sdraiarsi,  come sotto un albero, su un gigantesco letto imbottito e rilassarsi in mezzo alla natura, con la possibilità di autoprodurre energia mediante dei dispositivi a rotazione manuale per la ricarica di smartphone o altri device (fig. 5).

Moltissime le combinazioni che l’azienda propone per le aree destinate al pranzo e al relax, sotto un portico in campagna, su un terrazzo in città o a bordo piscina: dalle sedute monoblocco Trill abbinabili a tavoli estensibili delle serie Rio o Alloro (fig. 6) alle poltrone Aria abbinate al tavolo Rio 140 (fig. 7); dai lettini prendisole come Atlantico, con interno in tessuto sintetico traspirante e ricambiabile (fig. 8), alle sedute Ninfea Relax abbinabili al tavolo Loto Dinner con piano in vetro Float temperato, serigrafato e vetrificato a 700° C e gambe in alluminio anodizzato o verniciato (fig. 9). E poi sgabelli, tavolinetti, accessori di ogni tipo: Nardi interpreta l’arte di vivere l’esterno con poetica leggerezza e suggestive palette cromatiche, con proposte e collezioni dalle linee nette e decise e dallo stile elegante e inconfondibile. Guardando al futuro con responsabilità e rispetto per l’ambiente attraverso l’impiego di un materiale, la resina fiberglass, selezionato per le sue spiccate caratteristiche di funzionalità, resistenza e ciclo di vita di gran lunga superiore alla media anche in condizioni outdoor estreme e puntando al riutilizzo senza alcuno scarto.

 

 

Https://www.facebook.com/mediterraneodintorni/
Condividi